Ventimiglia: denunciati collaborazionisti che portano cibarie ai clandestini

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

A Ventimiglia è stata applicata l’ordinanza del sindaco Enrico Ioculano (Pd) che vieta la distribuzione di alimenti ai clandestini, perché non fa che attirare balordi e aumentare il degrado. Ioculano è piuttosto pro-degrado, ma non quanto lo sono gli altri sindaci del Pd.

A farne le spese è un francese che ha ricevuto un verbale dalla Polizia di Stato “per aver somministrato senza autorizzazione cibo ai clandestini”. E così l’associazione pro-fancazzisti Antigone si inalbera: “Siamo di fronte al capovolgimento di ogni logica. Utilizzare il diritto per colpire e punire episodi di solidarietà non può avere e trovare alcuna giustificazione”, dice tal Patrizio Gonnella. Non è solidarietà: è collaborazionismo con il nemico.

“A quanto abbiamo appreso i ‘ragazzi’ sarebbero arrivati a Ventimiglia con una macchina carica di generi alimentari e avrebbero iniziati a distribuirli ai migranti presenti alla frontiera con la Francia – riferisce Gonnella – Dopo pochi minuti la polizia li avrebbe interrotti e condotti in caserma per identificarli, schedarli e denunciarli. Almeno uno di loro non avrebbe firmato la denuncia poiché nessuno era in grado di tradurre il documento e i contenuti dello stesso in francese”.

VERIFICA LA NOTIZIAVERIFICA LA NOTIZIAIl problema è un altro: perché la Caritas può farlo? Perché non si puniscono anche i preti che li accolgono in cambio di nuovi membri nelle loro canoniche? E i Medici Senza Frontiere?

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!