Sua casa popolare va a immigrati, padre 5 figli sfascia scrivania addosso assessore

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Quando ha capito di non aver alcuna possibilità di ottenere la casa popolare, ha sollevato il tavolo in cristallo sistemato nell’ufficio dell’assessore alle Politiche sociali, il PD Luigi Biancalani, e lo ha fatto ricadere sul pavimento mandandolo in mille pezzi.

Prato: Pd dà le case popolari ai Rom, lite al campo nomadi – VIDEO

Le schegge di vetro hanno ferito alle gambe un’assistente sociale e colpito al volto l’assessore a cui si sono rotti gli occhiali da vista. E’ successo intorno alle 9.30 di oggi, lunedì 27 marzo. Protagonista un uomo di 36 anni, italiano, disoccupato e con cinque figli.

Prima ha distrutto il tavolo, poi ha strattonato l’assessore tirandolo per la camicia.

“La situazione è precipitata in un attimo – il commento dell’assessore – eravamo accanto al tavolo, lui lo ha sollevato di qualche centimetro e poi lo ha lasciato andare. Era già agitato quando è arrivato, si è presentato all’appuntamento con la moglie e ha cominciato a dire che noi aiutiamo solo gli stranieri. Gli ho spiegato che non è così, gli ho anche detto che nella graduatoria dei primi cento per le case popolari, settanta sono italiani. Lui ha continuato a lamentarsi, a dire che non riesce a trovare lavoro, che solo con lo stipendio della moglie è impossibile campare la famiglia”. Ma pensa, addirittura il 70 per cento, in Italia. E con una particolarità: nel 70 per cento sono compresi gli zingari sinti.

Prato, Comune offusca nome assegnatari case popolari perché sono tutti…

Il racconto di Biancalani è dettagliato: “Ho cercato di farmi carico del problema di questa persona – dice – ho ascoltato le sue ragioni e gli ho spiegato che facciamo il possibile, gli ho anche detto che la sua condizione gli consente di accedere alla misura ‘scansasfratti’ ma l’agitazione non si è placata, anzi è esplosa”.

Prato: ‘profughi’ in case residenziali con servizi di lavanderia e ristorazione compresa

VERIFICA LA NOTIZIAVERIFICA LA NOTIZIA“Quest’uomo faceva il muratore, poi è rimasto senza lavoro e capisco che mandare avanti cinque figli con il solo stipendio della moglie non sia per nulla facile – il commento dell’assessore – ma questo non giustifica la violenza. Tra l’altro il Comune si stava interessando a questa famiglia, tanto che domani era già fissato un incontro con il sindaco che a questo punto lo ha disdetto”. La polizia municipale sta raccogliendo tutte le testimonianze per verbalizzare quanto successo e verificare gli estremi di una denuncia a carico del trentaseienne.

Ma nessuno denuncia chi va a caccia di case per i fancazzisti africani, mentre famiglie italiane vengono lasciate per strada. Voi siete i veri criminali.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!