Sisma, pioggia di soldi ai Comuni: ma solo del PD

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

L’8 settembre di Vasco Errani. Il giorno prima della scadenza del suo mandato da Commissario del governo per la ricostruzione post-terremoto, firma l’ordinanza numero 37: «primo programma degli interventi di ricostruzione, riparazione e ripristino delle opere pubbliche nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dagli eventi sismici».

Si decide come spartire il primo miliardo di fondi pubblici e le scelte fondamentali sono state fatte a un tavolo ristretto, una cabina di regia che include Errani e i quattro presidenti delle Regioni colpite. Una cabina di regia con un tratto comune: è un monocolore Pd. è lo stesso tavolo che ha avuto un peso determinante nella contestata ripartizione dei fondi degli Sms solidali. Del resto, a differenza di quanto successe all’Aquila, il governo ha scelto di concentrare le responsabilità della ricostruzione in poche mani, invece di affidarla ai sindaci. Il risultato finale è una pioggia di interventi che, dicono i critici, tiene conto più delle convenienze politiche che dell’entità dei danni.

«Quella cabina di regia è un concistoro di stretto rito renziano – punge il sindaco di Ascoli Piceno, il forzista Guido Castelli – che non consente ai Comuni coinvolti, specie se di colore diverso, di interferire sulle scelte più rilevanti». Gli effetti sono paradossali e ricordano quelli dello scandalo degli Sms solidali da cui è rimasta esclusa la città simbolo del terremoto, Amatrice, mentre è stato finanziato due volte il restauro della scuola di Collevecchio, un Paese al di fuori del «cratere» sismico, cioè l’area in cui sono ricompresi i Comuni che hanno diritto ad aiuti e benefici.

Anche nella distribuzione dei fondi statali non mancano scelte singolari. Tra i Comuni in lizza per un intervento ci sono Grottammare (lavori a un’autorimessa comunale), Sant’Elpidio a Mare (uffici comunali e provinciali) e Porto Sant’Elpidio (restauro degli uffici ospitati nell’ex granaio di un palazzo storico). Caratteristiche comuni: tutti guidati dalla sinistra e tutti vista mare, quindi ben lontani dall’epicentro e di certo non tra i più colpiti. Tanto che Porto Sant’Elpidio, feudo Pd che ha avuto come sindaco Paolo Petrini, ex vice presidente della giunta regionale, ha rinunciato allo stanziamento in favore di un altro paese.
VERIFICA LA NOTIZIA
Anche il fiume di denaro destinato a rimettere in piedi le scuole ha preso strade dubbie. Tra i lavori finanziati ci sono ad esempio quelli di Monte Urano, Spinetoli e Monte Urano. Tutti rigorosamente a guida Pd, tutti altrettanto rigorosamente al di fuori del cratere. Riceveranno tutti la loro fetta di torta, come paesi ben più danneggiati. Incluso Ascoli Piceno che, avendo il torto di essere guidato dal centrodestra, non ha ricevuto finanziamenti per il proprio palazzo municipale, per due terzi inagibile.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!