SINDACO PD SI FA RIDIPINGERE CASA DAI PROFUGHI: “E’ LAVORO SOCIALMENTE UTILE”

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Il sindaco di Roccavignale, provincia di Savona, aveva trovato un modo tutto suo per ‘integrare’ i cosiddetti profughi: li utilizzava per ristrutturare la sua abitazione, a spese dei contribuenti.

Tutto è iniziato quando una pattuglia di carabinieri ha notato due africani impegnati tinteggiare il muro esterno della casa, l’Ispettorato del lavoro ha avviato le verifiche, ma ormai i ‘profughi’ avevano finito i loro lavori. E durante l’ispezione sono state rilevate altre irregolarità, tra le quali un lavoratore in nero. Il sindaco ama i ‘neri’, in tutti i sensi economici a quanto pare.

VERIFICA LA NOTIZIAVERIFICA LA NOTIZIA

Il sindaco Amedeo Fracchia è stato denunciato e sanzionato, ma si difende spiegando che al momento dei lavori “era in ferie all’estero” e che “il supervisore del cantiere ha utilizzato un lavoratore non in regola a mia insaputa.” Per quanto riguarda l’impiego dei migranti, invece, il primo cittadino nega ogni addebito, parlando di “lavori socialmente utili”: “Hanno dipinto, mesi fa, un muro esterno – spiega al Secolo XIX – ma come stanno facendo per altre case del paese nell’ambito dei lavori socialmente utili.”

Ergo: ristrutturare la casa del sindaco è un ‘lavoro socialmente utile’. Non servono commenti.

Il sindaco Fracchia guida la lista ‘ProgettiAmo Insieme’ (ai profughi), che nasconde il Partito Democratico a livello locale:

fracchia

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!