Sbarchi, ora i barconi scortati sulla spiaggia da militari – VIDEO CHOC

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

”In pieno giorno, una barca carica di migranti è arrivata a riva ‘scortata’ dalla capitaneria di porto. Accade sempre così: le barche piene di migranti economici magrebini vengono individuate al largo dalle Forze dell’Ordine, viene intimato loro l’alt, suonano le sirene, ma alla fine non accade nulla e lo sbarco avviene lo stesso”.

CRONACA DI UNO SBARCO FANTASMA.Lo scorso 7 settembre nella spiaggia di Ribera (Ag), in pieno giorno, una barca carica di migranti è arrivata a riva “scortata” dalla capitaneria di porto. Accade sempre così: le barche piene di migranti economici magrebini vengono individuate al largo dalle Forze dell’Ordine, viene intimato loro l’alt, suonano le sirene, ma alla fine non accade nulla e lo sbarco avviene lo stesso. Evidentemente debbono cambiare le regole d’ingaggio, altrimenti questo flusso bibblico inarrestabile di migranti non verrà mai fermato!

Posted by Mareamico Delegazione Di Agrigento on Saturday, September 9, 2017

Lo denuncia, con un video, l’associazione ambientalista Mareamico che ha diffuso il video di uno sbarco di migranti lo scorso 7 settembre nella spiaggia di Ribera (Ag). ”Evidentemente – dice l’associazione – devono cambiare le regole d’ingaggio, altrimenti questo flusso non verrà mai fermato”. Nel video si vede il barcone di clandestini seguito da una motovedetta arenarsi e poi le 60 persone fuggire in varie direzioni sulla costa.
VERIFICA LA NOTIZIA
Ora non li vanno a prendere in Libia, ma li scortano sulle spiagge. Inutile dire che potrebbe trattarsi di terroristi e che questi, invece di abbordarli, fingono di rincorrerli in modo ridicolo per poi lasciarli sbarcare e dileguarsi tranquillamente.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!