Rovigo è città ‘burqa free’: sarà bandito da tutte aree pubbliche il sacco islamico

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

DEDICATO A BUONANNO

ROVIGO – È guerra al niqab e al burqa. «Non voglio vedere donne circolare in città con il burqa o altri veli. Chi passeggia o si reca all’interno degli uffici pubblici e bar di Rovigo deve avere il volto scoperto. E non chiamatemi razzista, farò questo regolamento solo per questioni di sicurezza ed ordine pubblico».

Il sindaco Massimo Bergamin, Lega, con queste parole ha annunciato la decisione di vietare il burqa, l’indumento utilizzato dalle donne di fede islamica che copre tutto il corpo e che lascia trasparire solo lo sguardo attraverso una retina e il niquab, ossia il velo integrale che lascia fuori gli occhi, nei luoghi pubblici della città. Le donne islamiche dunque non solo dovranno passeggiare per Rovigo a volto scoperto, ma non potranno indossare indumenti che nascondono le sembianze del viso anche quando accompagnano i figli a scuola, entrano negli uffici pubblici e nei bar. La mozione anti-burqa che sarà presentata oggi in consiglio, è stata firmata da tutta la maggioranza, d’accordo dunque non solo i leghisti, ma anche Forza Italia e Moderati.

Bandire il burqa è cosa buona e giusta. Ma è una battaglia di retroguardia: dobbiamo bandire gli islamici.

«Partiamo con la mozione – spiega Bergamin – vediamo quanti la voteranno, poi farò un regolamento che disciplina l’uso del burqa nei luoghi pubblici. Non è escluso arrivi anche un’ordinanza se sarà possibile». Ed aggiunge: «Non si tratta di un atto propagandistico, ma solo di prevenzione. Esiste già una legge che vieta di circolare con il volto coperto da passamontagna o casco. Il consiglio regionale ha da poco approvato un progetto di legge che chiede al governo di allargare il divieto di circolare a volto coperto anche in relazione agli indumenti utilizzati dagli islamici: veli o altri indumenti che rendono difficile l’identificazione. Non vedo perché si debba chiudere un occhio per gli islamici, stiamo parlando di sicurezza, non di libertà di religione. Dopo soprattutto gli ultimi attentati terroristici credo sia dovere del sindaco evitare ai miei cittadini ogni situazione di pericolo». D’accordo anche il capogruppo di Forza Italia Vani Patrese e il leghista Michele Aretusini. «Stiamo parlando anche di salvaguardare i diritti delle donne – aggiunge Aretusini -, sappiamo che sono costrette a girare con il volto coperto perché viene loro imposto da padri e mariti. Questa mozione vuole essere a sostegno dei diritti delle donne e non certo contro di esse».

E nella serata di ieri, il consiglio comunale ha approvato il ‘bando’: contrari, ovviamente, i piddini, che hanno abbandonato l’aula denunciando la discriminazione contro le donne islamiche. Sono confusi.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!