Pensioni: Taglio del 5 per cento dal 2019

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Tempi duri in arrivo per chi andrà in pensione tra poco più di un anno.

Chi lascerà il lavoro nel 2019 si troverà, a parità di condizioni di uscita con chi va via adesso, un taglio del 5 per cento sull’assegno. Come riporta il Giorno, la situazione è abbastanza chiara: 50 euro al mese in meno su un assegno da 1000 euro, 75 euro su un assegno da 1500 euro. Di fatto a scaturire la sforbiciata saranno i 5 mesi in più sul fronte della speranza di vita e il sistema contributivo.

A partire dal 2019 l’età pensionabile per la pensione di vecchiaia dovrebbe salire dagli attuali 66 anni e 7 mesi a 67 anni. Inoltre per quanto riguarda i requisiti per i contributi si passerà da 42 anni e 10 mesi per gli uomi e 41 anni e 10 mesi per le donne a 43 anni e 3 mesi e a 42 anni e 3 mesi. Di fatto questi requisiti dal 2012 vengono rivisitati ogni 3 anni, mentre dal 2019 saranno cambiati ogni due anni. E a dettare le modifiche sono soprattutto i parametri sulla speranza di vita, ma anche l’indice di mortalità e anche l’andamento del Pil.

Di fatto l’andamento dell’economia degli ultimi anni ha cambiato e in modo profondo gli importi per chi andava via con lo stesso importo di contributi ma in anni differenti. Ad esempio con 270mila euro di contributi chi è andato via nel 2009 ha ricevuto circa 16500 euro all’anno, chi però è andato via nel 2016 è sceso, con gli stessi contrbuti, a 14300 euro. Da questi dati che in modo dettagliato riporta ilGiorno, emerge una verità: a parità di contributi l’assegno è sempre più leggero se cambia l’anno di uscita dal mondo del lavoro. E dunque in questo quadro chi andrà via nel 2019 dovrà rinunciare al 5 per cento.

www.ilgiornale.it

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!