“NO AI LEGHISTI IN QUESTI MINISTERI CHIAVE”: IL PAZZESCO DIKTAT GOVERNATIVO DAL COLLE

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

No a candidati leghisti nei ministeri-chiave. Il paletto più grosso di Sergio Mattarella sul governo di Luigi Di Maio e Matteo Salvini è soprattutto una bandierina dell’Unione europea piantata nel cuore dell’Italia. Innanzitutto, spiega il Giornale, il presidente della Repubblica sta aspettando dalla Lega, a torto o ragione giudicata il partito più euro-scettico (e dunque pericoloso) del nostro arco costituzionale una “presa di posizione chiara, netta ed inequivocabile sulla politica estera”.

Le posizioni su Siria, Russia, Nato e Stati Uniti espresse da Salvini, come noto, non sono piaciute né al Colle né agli alleati stranieri e per questo al Ministero degli Esteri difficilmente vedremo un esponente del Carroccio. Gli stessi dubbi sono nutriti per posizioni apicali e decisive come quelle di premier, vicepremier e Difesa, in quanto Salvini e i leghisti sarebbero troppo filo-Putin.

Via libera, invece, per i ruoli di sottosegretario alla presidenza (ma senza delega sui servizi segreti) e per il ministero dell’Economia (sempre che ci vada Giancarlo Giorgetti, sottolinea il Giornale) e dell’Interno.

Fonte: qui

L’articolo “NO AI LEGHISTI IN QUESTI MINISTERI CHIAVE”: IL PAZZESCO DIKTAT GOVERNATIVO DAL COLLE sembra essere il primo su Piovegovernoladro.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!