Milano, polizia in rivolta dopo attacco: “Derisi e umiliati dal Governo”

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Lo avete visto il video? L’immigrato simpatizzante dell’Isis sventola il coltello come se fosse una bandiera e i tre servitori dello Stato tentano di bloccarlo. A mani nude. “Ci sentiamo abbandonati, derisi, umiliati”, dice Massimiliano Pirola, segretario provinciale del Sap-Milano e per anni sulle volanti alla caccia di banditi. “Ci hanno tolto la dignità di fare i poliziotti. Non c’è più rispetto. Siamo costretti a lavorare con i caschi marci, senza leggi chiare né mezzi adeguati“.

Milano, il filmato dellʼaggressione in stazione Centrale – VIDEO

VERIFICA LA NOTIZIA

Per fare un esempio, ieri sera i due agenti della Polfer non avevano sotto la camicia alcuna protezione. Il coltello di Ismail Hosni ha sfiorato il torace di uno dei due, andandosi poi a conficcare nel braccio. Pochi centimetri e avremmo raccontato un’altra storia. La fortuna, appunto. “I giubbotti non sono in dotazione, se non a poche squadre – spiega Pirola – Un guanto anti-taglio costa 3 euro dai cinesi, ma non ci danno neppure quello”. Per non parlare delle armi. Al momento la polizia italiana non ha uno strumento di offesa che sia una via di mezzo tra le mani e la pistola. Gli spray al peperoncino sono stati introdotti da poco, ma ce ne sono pochi e hanno controindicazioni importanti. “Non possiamo usarli al chiuso – dice Pirola – e c’è il rischio di auto-contaminazione. Senza contare che in questo momento in parecchi uffici sono assenti”. Basterebbe introdurre reti contenitive oppure i Taser, ma lo Stato continua a tagliare sulla sicurezza. E così si verificano incidenti, caserme in condizioni “pietose” e uffici con sole quattro persone a lavorarci.

“Il nostro ruolo non è riconosciuto. Sono sempre tutti pronti a criticarci. E davanti a un giudice vale più la parola di un bandito che la nostra”. Querele, processi infiniti, condanne farsa. Il ritornello ormai lo conosciamo. “Non possono prendersela sempre con noi”, sentenzia amareggiato il segretario del Sap.

“Siamo in difficoltà. Chi ce lo fa fare?”, dice Pirola che nel 2002 sventò un attacco terroristico di matrice islamista nella metro meneghina. “Lo facciamo perché la nostra è una malattia. Non indietreggiamo mai. Faremo sempre il nostro dovere, qualsiasi cosa accada. Ma per una volta, invece di organizzare marce in favore dei migranti, sarebbe bello se ne facessero una per noi poliziotti”.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!