MANIFESTI CHOC A ROMA SU GESÙ CRISTO E MARIA, NON SI CONOSCONO GLI AUTORI DEL GESTO

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Manifesti blasfemi a Roma. Sulle pensiline Atac della capitale d’Italia, infatti, questa mattina sono apparse delle pubblicità che ritraggono un Gesù “pedofilo” – con tanto di erezione – e Maria “Immacolata concezione…

in vitro”, incinta grazie all’utero in affitto (guarda le foto).

Non è il primo caso di iniziative choc avvenute dentro i confini della capitale. Resta da capire chi li ha affissi e soprattutto, il perché.

Fatto sta che ne è scaturita un’immediata protesta: “Le pubblicità apparse oggi su alcune pensiline gestite dall’azienda dei trasporti romani risultano altamente offensive verso milioni di persone e risultano di stampo completamente blasfemo“, ha dichiarato Maurizio Politi, consigliere di Fdi-An nell’Assemblea Capitolina, che ha aggiunto: “L’idea che Atac abbia potuto avallare tale forme promozionali, se confermata, dovrebbe portare all’allontanamento immediato dei responsabili. Stiamo predisponendo un’interrogazione all’Assessore Meleo per sapere se fosse a conoscenza di tale situazione e soprattutto se intenda prendere immediati provvedimenti disciplinari, oltre alla rimozione dei manifesti. È inaccettabile che nella Capitale d’Italia e della Cristianità vengano consentite tale azioni, al solo fine di incassare proventi pubblicitari“, conclude.

Un’altra presa di posizione arriva sempre dal partito guidato da Giorgia Meloni. Una nota in merito, infatti, è stata pubblicata da Federico Iadicicco, responsabile del dipartimento “vita e famiglia” di Fdi: “Sembrerebbe che gli spazi pubblicitari delle banchine Atac a Roma siano stati usati per un’iniziativa volgare ed offensiva il cui senso sfugge alla ragione umana. Manifesti dal discutibile risvolto politico e soprattutto dall’ignobile contenuto blasfemo che offende non solo i cristiani ma Roma, i romani e l’intera umanità intelligente!“.

Una vicenda che farà discutere i cittadini romani ma non solo. Guerriglia marketing? Promozione di campagne sociali dietro una provocazione? Propaganda Lgbt? Sui manifesti di Roma, mentre scriviamo, c’è ancora un alone di mistero. L’unica certezza è lo scandalo provocato da questa iniziativa.

Fonte: qui

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!