Magistrato regala Cittadinanza a figli clandestini

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Continuano le sentenze eversive della magistratura, connivente con l’invasione. Traffico bambini e clandestini per loro sono normali.

fact_iconIl Tribunale di Bari ha infatti riconosciuto il diritto alla cittadinanza per i figli di due clandestini filippini solo perché nati e vissuti in Italia. Negli Usa li chiamano ‘anchor baby’, i bambini ancora.

I protagonisti di questa vicenda sono stati sobillati da Inca e Cgil di Bari. “Ci stupisce – si legge in una nota della Cgil – come si possa ancora mettere in discussione il diritto ad acquisire la cittadinanza italiana scaricando la responsabilità su una remota situazione temporanea dei genitori”.

Situazione ‘temporanea’. Come distorcere la realtà con l’uso della semantica. Già è bizzarro che esistano ‘ex-clandestini’: in un Paese serio, verrebbero espulsi, non ‘regolarizzati’.

“Ragazzi nati in Italia, cresciuti nelle scuole italiane, che al pari dei loro coetanei hanno l’italiano come lingua madre e il dialetto come lingua del cuore, che studiano e partecipano con profitto alla vita sociale della loro città, possano essere considerati stranieri a vita”. “C’è bisogno – conclude la nota dell’organizzazione sindacale – di un cambio di registro nella cultura del diritto e del buonsenso”.

CLICCA La storia di Jihadi John: da piccolo profugo a britannico per Ius Soli e poi a boia islamicoCLICCA La storia di Jihadi John: da piccolo profugo a britannico per Ius Soli e poi a boia islamico

No, c’è bisogno di sciogliere la CGIL, che di sindacato non ha più nulla. Ormai è una organizzazione dedita alla distruzione della società italiana in quanto tale. Dei lavoratori se ne fottono altamente.

Urge, invece, l’approvazione di uno Ius Sanguinis integrale: un gatto non diventa cane se nasce in un canile.

Come se la natura di un individuo potesse essere decisa da un “percorso di integrazione”. Provino, i pataccaro dell’integrazione, a trasformare un Nigeriano in Cinese dopo un percorso di integrazione a Shangai. Ci sono differenze, sia fisiche che psichiche (le quali altro non sono che l’espressione mentale di complesse differenze di natura neurale), che non possono essere compresse e stravolte. Permangono.
Per qeasto, una gallina non potrà mai ruggire, anche se vivesse tutta una vita con dei leoni. Posto che i leoni non se la mangino prima.

Sia chiaro: lo Ius Soli è l’ultimo grimaldello con il quale scardinare ciò che abbiamo di più prezioso: la nostra identità. Contro lo Ius Soli, fino alla morte.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!