L’ITALO-PAKISTANA UCCISA NEL GUJARAT, IL PADRE CONFESSA; LO ZIO RIMANE SOTTO INCHIESTA

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

“L’ho uccisa io”. Ha confessato il padre di Sana Cheema, la 25enne italo-pachistana residente a Brescia e uccisa ad aprile in Pakistan per aver rifiutato un matrimonio combinato.

L’uomo, cittadino italiano come la figlia, si sarebbe fatto aiutare da uno dei figli per strangolare la ragazza fino a romperle l’osso del collo, come evidenziato dall’autopsia. I due rischiano ora la pena di morte o l’ergastolo. Lo zio rimane sotto inchiesta.

La giovane, che era nata in Pakistan, a Brescia aveva frequentato le scuole e, dopo aver lavorato in un’autoscuola, ora gestiva un’agenzia di pratiche automobilistiche.

Un paio di mesi fa era tornata nel suo Paese natale, nella provincia del Gujarat, assieme alla famiglia, che voleva farla sposare secondo un matrimonio combinato.

“Ha detto che andava in Pakistan perché aveva ricevuto una telefonata importante – aveva raccontato un vicino di casa -. Non ha spiegato molto, ma solo che aveva un biglietto di ritorno”. La giovane, invece, non è mai tornata a casa.

Fonte: qui

L’articolo L’ITALO-PAKISTANA UCCISA NEL GUJARAT, IL PADRE CONFESSA; LO ZIO RIMANE SOTTO INCHIESTA sembra essere il primo su Piovegovernoladro.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!