LA SOFFIATA DEL MINZO: STANNO LITIGANDO SU QUELLE 200-300 NOMINE CHE STANNO VENENDO A SCADENZA I CUI POSTI SONO PESANTISSIMI

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Non hanno litigato per premier o programma, Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Secondo Augusto Minzolini, retroscenista del Giornale, è il leghista Alberto Bagnai a svelare l’arcano: “Noi al primo punto del programma avremmo potuto mettere anche l’incendio di Nerone. Non è quello l’importante. L’importante sono quelle 200-300 nomine, che stanno venendo a scadenza e che l’ineffabile governo Gentiloni, o qualcun altro, avrebbe tranquillamente messo all’incasso”. Da qui, appunto, la fretta di arrivare a un governo M5s-Lega.

In ballo, scrive Minzo, c’è “la spartizione di una grande torta che, nelle intenzioni dei partecipanti, dovrebbe ridisegnare la mappa del potere in Italia”.

I nomi e i posti sono pesantissimi: Cassa depositi e prestiti, poi Simest, Sace, Invimit, SogeiConsip.

E le authority, dall’Antitrust a quella sulla regolazione dell’Energia. Poi il capo della Polizia, il ragioniere dello Stato, i vertici dei servizi segreti.

E nel 2019 le società partecipate dal Tesoro come EnelEniSnamLeonardoEnavMpsFincantieriTernaSaipemItalgas.

“Lo strumento – conclude Minzolini sul Giornale – con cui Salvini tenterà di mantenere il controllo del centrodestra e Di Maio di radicare la sua leadership sui 5 Stelle“.

Fonte: qui

L’articolo LA SOFFIATA DEL MINZO: STANNO LITIGANDO SU QUELLE 200-300 NOMINE CHE STANNO VENENDO A SCADENZA I CUI POSTI SONO PESANTISSIMI sembra essere il primo su Piovegovernoladro.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!