LA PRIMA BOZZA DEL CONTRATTO LEGA-M5S? FLAT TAX, LEGGE FORNERO E VINCOLI UE…

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

“Contratto per il governo del cambiamento”. È il titolo dell’accordo su cui Movimento 5 Stelle e Lega stanno lavorando per chiudere il capitolo relativo al programma di governo. La bozza si articola in ventidue punti ed è lunga ventisei pagine.

Sopra al titolo del contratto ci sono i simboli delle due forze politiche. Dentro c’è un po’ di tutto, ma partendo da una versione più soft di quella annunciata in campagna elettorale: dal reddito di cittadinanza alla flat tax, passando per le modifiche del sistema previdenziale.

I tecnici del Movimento 5 Stelle e della Lega si sono incontrati a Milano, al 23° piano del Pirellone. All’incontro erano presenti, tra gli altri, per il partito di via Bellerio, Roberto Calderoli, Nicola Molteni, Claudio Borghi, Armando Siri e Gian Marco Centinaio. Per i pentastellati, invece, c’erano Danilo Toninelli, Alfonso Bonafede, Vincenzo Spadafora e Laura Castelli (guarda il video). Sul tavolo il plico di fogli con su scritto “Contratto per il governo del cambiamento” e in cima i simboli dei due partiti. “Vogliamo chiudere – assicura Salvini – al lavoro anche domani” (guarda il video). Per il momento sui tratta, appunto, di una bozza.

Ma le misure al vaglio sono sempre più concrete, anche se sembra che l’intenzione sia di procedere su tutti i punti tratatti in campagna elettorale ma per gradi. “L’idea è di mettere nero su bianco nome, cognomi, tempi, modi e costi – continua il leader leghista – tutto quello che vogliamo fare ovviamente passa attraverso la rinegoziazione dei trattati europei, perché se non cambiano le regole europee, non cambiano i parametri, i vincoliimposti dall’Europa, l’Italia soffoca e su questo mi sembra che l’impegno sia comune”.

“La bozza – hanno riferito all’agenzia Agi alcuni partecipanti al tavolo – prevede, tra le altre cose, un’intesa sull’introduzione della flat tax, a partire dal 2019, con due aliquote del 15 per cento e del 20 per cento (quest’ultima per chi ha redditi sopra gli 80mila euro l’anno, ndr)”. Sull’immigrazione, nel contratto ci sarebbe una sorta di patto per stoppare qualsiasi iniziativa che porti alla definitiva cancellazione del reato di clandestinità. Vi sarebbero, poi, il via libera a una prima allocazione di 5 miliardi per “ritoccare” la legge Fornero, oltre all’introduzione della “quota 100” per la previdenza, e al reddito di cittadinanza, indicativamente dal 2019, previa ristrutturazione dei centri per l’impiego.

Sarebbe, infine, passata la linea della Lega contro la chiusura dell’Ilva. I Cinque stelle, invece, avevano una posizione diversa. Lo scorso 10 febbraio i grillini avevano spiegato che sarebbe servita “una riconversione economica” che “passa ovviamente dalla chiusura delle fonti inquinanti, senza le quali le bonifiche sarebbero inutili”.

Fonte: qui

L’articolo LA PRIMA BOZZA DEL CONTRATTO LEGA-M5S? FLAT TAX, LEGGE FORNERO E VINCOLI UE… sembra essere il primo su Piovegovernoladro.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!