Ius soli: creazione del meticciato come nuovo demos del continente europeo

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Propaganda al meticciato in Germania

di Massimo Viglione – – ilpontelevatoiodimassimoviglione

Lo Ius soli non ha un senso pratico: infatti, siamo già invasi, da anni, e lo siamo ogni giorno di più. Non c’è bisogno dello Ius soli per far entrare milioni di immigrati, né, specificamente, per far arricchire ONG varie di varia natura, e in particolare quelle pacifiste sinistrorse e quelle pseudo cattoliche (insieme alla criminalità organizzata, ovviamente). E i clandestini, e anche i non clandestini, hanno più “benefit” (come si dice oggi) degli italiani. Pertanto, lo Ius soli serve solo a dare loro il diritto di voto. Per farli votare a sinistra ovviamente.

Ma chi crede che venga introdotto per queste ragioni non ha capito. La portata dello Ius soli è immensa, ed è precipuamente ideologica. Occorre, ormai, a invasione in atto – nella tranquillità derivante dal fatto che nessuno si oppone veramente, nel senso concreto, pratico, ma anzi si ha l’appoggio pieno di interi settori della società, clero in primis – far passare nella mentalità generale il principio che se esiste l’Italia, non devono esistere più gli italiani. O meglio, continueranno a esistere anche gli italiani, ma non quelli che abbiamo avuto finora e che si sono formati in maniera naturale e libera nel corso della storia, bensì quelli che avremo da ora in poi. Si tratta insomma di costituire un nuovo “demos”.

Se il “moderato” di turno crede che stiamo esagerando, la risposta è facile: si potrebbero portare decine e decine di testimonianze e ragionamenti inoppugnabili in tal senso, ma mi limiterò a rendere noto quanto scritto da un politico “serio” (dal punto di vista dei moderati, s’intende) e generalmente apprezzato (candidato di peso perfino alla Presidenza della Repubblica alle ultime elezioni presidenziali) come Stefano Rodotà dopo i famosi “Trattati di Nizza” del 2001. Proprio alla luce di quanto stabilito in quei trattati – il cui senso era quello di fornire una nuova “carta costituzionale” all’Unione Europea alla vigilia dell’introduzione dell’euro – Rodotà sostiene che in una “Nuova Europa costituzionale”, antidiscriminatoria e ugualitaria, non può che essere inammissibile il principio di discriminazione razziale, o anche solo di differenziazione etnica, verso coloro che nascono in Europa ma sono di razze ed etnie non europee dal punto di vista storico: costoro hanno diritto allo Jus Soli, e, col tempo, non solo coloro che vi nascono nel continente, ma anche coloro che vi arrivano, sia che abbiano lavoro e famiglia o meno. Altrimenti si ricade nella discriminazione razziale e, in ogni caso, in una concezione ormai obsoleta della stessa Europa. Scrive testualmente Rodotà: «Perché non valorizzare il fatto che, salvo limitate eccezioni, i diritti della Carta prescindono dalla cittadinanza nazionale, e parificano così europei e stranieri, immigrati legali e clandestini?». E aveva scritto in precedenza: «Un demos, un popolo europeo non esiste ancora, ma non si può aspettare che esso nasca per fare passi decisivi verso una vera costituzione europea (…) Attraverso i diritti si pongono le premesse per la Costituzione di uno spazio pubblico europeo e si creano, quindi, le condizioni per la nascita di quel demos»[1].

Rodotà non afferma che il demos debba essere quello della somma degli europei “storici”, delle razze ed etnie da secoli e millenni stanziate nel continente, magari nel frattempo mischiatesi tutte e solutesi in un “melting pot” continentale. Rodotà afferma chiaramente che il demos della Nuova Europa va creato. Pertanto, nulla osta a far entrare milioni di immigrati, specialmente africani e medio-orientali nella vecchia Europa: anzi, è necessario.

Nella Nuova Europa costituzionale, ogni uomo può essere europeo, anche se non appartiene alle usuali stirpi che da millenni hanno abitato il continente, anche se vi arriva da adulto, purché appunto aderisca pienamente non all’identità, cultura, civiltà dell’Europa millenaria, ma al patriottismo costituzionale europeo, il nuovo DNA dell’essere europei scaturito dai Trattati di Nizza. Anzi, un extraeuropeo che aderisca a questo spirito democratico, ugualitarista e antidiscriminatorio, sarebbe certamente molto più “nuovo europeo” di un italiano, di un tedesco, di uno spagnolo, ecc., che invece rimanesse ancorato a una ormai superata visione di un’Europa (classica, cristiana, nazionalista, ecc.) che deve al contrario essere progressivamente perfino cancellata dalla memoria collettiva.

Insomma, come Rodotà (ma potremmo riportare decine di testimonianze di politici, intellettuali, burocrati) ci spiega, il fine ultimo dello Ius soli è la creazione del meticciato come nuovo demos del continente europeo. Che vuol dire ovviamente la distruzione razziale ed etnica degli italiani (in primis) e gli altri popoli europei. La cancellazione progressiva ma inesorabile dell’intera civiltà europea da ogni punto di vista, non ultimo quello specificamente razziale. Ecco perché ultimamente si fa un gran parlare del “Piano Kalergi”: perché è vero. E chi non è informato a riguardo, farebbe bene a informarsi.

L’Unione Europea, tramite anche i Trattati di Nizza, si è data lo scopo della distruzione non solo dell’ordine naturale del creato con la omosessualizzazione forzata della gioventù, con il genderismo, con l’eutanasismo (che solo gli ingenui e i bugiardi possono credere che si limiti ai casi estremi di sofferenza: si veda il caso di Charlie in questi giorni) e tutti gli altri ismi della perversione morale e intellettiva oggi imperante; non solo della distruzione economica di interi popoli (come i greci, di cui nessuno parla più) e di intere società (come quella italiana); non solo della statualità nazionale (il concetto di patria, con cui tutti noi siamo cresciuti, non esisterà più); ma anche della distruzione razziale degli europei.

Ho usato appositamente il termine “razziale”, il più grande di tutti i “tabù” (utilizziamo il loro linguaggio…) dalla Seconda Guerra Mondiale a oggi. Per troppo tempo, sotto la costruzione di una maledizione collettiva di cui peraltro nessuno di noi ha colpa alcuna, abbiamo taciuto a riguardo, abbiamo acconsentito alla progressiva distruzione dell’ordine del creato anche da questo punto di vista. Infatti, le razze le ha create Dio, come ogni altra cosa, e – come ogni altra cosa voluta da Dio – sono quindi buone in sé.

La divisione in razze, popoli, etnie, dell’umanità, è una cosa meravigliosa. Come un campo di fiori che riempie la terra intera e la infarcisce di colori e profumi diversi, ovvero di civiltà e ricchezza per ogni gusto. Come lo stesso campo, se fosse rivestito di un solo unico fiore, sarebbe immensamente meno bello, così il nostro mondo sarà meno bello se abitato da una sola unica razza meticcia, ciò che è l’obiettivo finale di chi sta dirigendo oggi la storia verso gli scopi ultimi di un piano diabolico di distruzione di ogni differenza e bellezza (unica razza, unica lingua, unico Stato, unico governo, unica moneta, unica umanità totalmente sotto controllo e, ovviamente, religione unica per tutti). È il Creatore che ha creato i cinesi, gli indiani, gli egizi, i greci. È il Creatore che ha voluto che l’umanità avesse conformazione fisica differente: che vi fossero bianchi, neri, asiatici, e ha fatto in mondo che ogni megarazza o popolo o anche etnia avesse una sua sede naturale in questo pianeta e sue peculiarità fisiche, linguistiche, civili e culturali. È meraviglioso che vi siano i cinesi e i mongoli, gli africani e i giapponesi, indios e arabi, latini, germanici e slavi, ecc. E che ogni razza, popolo ed etnia abbia una sua sede storica naturale.

Se la parola “razza” incute una sorta di sotterraneo timore psicologico, ciò avviene a causa di un riuscitissimo immenso lavorio pluridecennale di responsabilizzazione collettiva di un male storico – relativo a una sola specifica ideologia, peraltro totalmente anticristiana, e limitata a un brevissimo momento cronologico dinanzi al corso dell’intera storia – di cui noi tutti – tedeschi attuali compresi – non abbiamo responsabilità alcuna: eppure, lo viviamo come se avessimo una vergogna da nascondere. La stessa parola “razza” dà fastidio: ma ci dimentichiamo che, come detto, è dono di Dio. Quest’opera genialmente satanica è servita, e serve, a farci odiare noi stessi, a farci accettare ciò che per i nostri antenati sarebbe stato inaccettabile, anzi, impensabile: il suicido – dopo quello morale, religioso, economico, politico, culturale – razziale ed etnico della nostra comunità.

Noi saremo la generazione che avrà distrutto l’italianità.

Non solo le razze e le etnie sono costitutive dell’ordine del creato, e quindi volute da Dio; non solo è cosa meravigliosa che ve ne siano tante, tantissime, dalle macrorazze fino alle più svariate “sfumature” etniche (basti pensare anche solo agli italiani, coacervo di etnie), dono immenso dell’umanità di ricchezza civile, culturale, linguistica, artistica, perfino culinaria, ecc.; ma va detto chiaramente che se esiste il “razzismo” (ogni cosa buona, di qualsiasi genere e natura, presenta in questa vita inevitabilmente la propria degenerazione), questo consiste proprio nell’odio verso le razze.

Mi spiego. Esistono due livelli di “razzismo”: quello più noto, il suddetto “incubo collettivo”, è in realtà, per quanto gravissimo e inescusabile in sé, il meno grave: un popolo, una razza, odia un’altra razza (o popolo), o alcune altre razze, e li vuole sottomettere (in casi estremi, eliminare): è accaduto, è una mostruosità storica, ma non è il livello peggiore. Vi è infatti un secondo livello di razzismo, che è immensamente più grave. È il razzismo di coloro che odiano tutte le razze, tutti i popoli, tutte le etnie, e vogliono eliminarli. Siccome non è possibile uccidere l’intera umanità (almeno per ora), si attua questo infernale progetto mischiando tutti i popoli – tramite invasioni di decine di milioni di persone, più o meno in difficoltà (e quando le difficoltà non sono sufficienti si creano: vedi Libia, Siria e altri casi simili) – in un’unica razza meticcia, il nuovo demos di Rodotà e soci. E, per far accettare il progetto alle popolazioni più benestanti e civili, che dovranno subire questa invasione, si prepara una colpa collettiva come una sorta di maledizione umana perenne e si scatena tutta la scuola, l’università, l’editoria, giornali e televisioni, la politica, e ovviamente il clero, per decenni, ogni giorno, ovunque, al fine di predisporre la quasi totalità delle persone all’immenso, folle, suicida cambiamento.

Voglio dire che il vero razzismo, il livello più “maturo” e devastante di razzismo, è quello degli antirazzisti di professione, che odiano tutte le razze. L’antirazzismo altro non è che l’altra faccia del razzismo: è un’ideologia totalitaria e intollerante, che prevede il carcere (e peggio) per legge a chi non vi aderisce, che si riconosce dal fanatismo di coloro che vi cascano (specie i giovani e i più semplici) ed è finalizzato alla realizzazione del piano (che noi chiamiamo di Kalergi, ma che è ben più antico, in quanto presente da sempre nei progetti massonici) di distruzione di ogni differenza razziale, culturale, civile, economica, religiosa, dell’intera umanità.

L’antirazzismo è essenzialmente distruttivo, e in quanto tale è costitutivo del razzismo. Il vero “non razzista” non è razzista appunto ma non è nemmeno antirazzista. In quanto ama ogni razza, popolo, etnia e vi vede, in ogni razza, popolo ed etnia, il piano e il dito di Dio. Come chi scrive.

E non si dica che le razze e i popoli si sono sempre mischiati. Questo è vero, almeno per l’Occidente (perché in realtà in Africa e Asia ciò non è mai avvenuto, tanto è vero che razze e popoli di quei luoghi mantengono pienamente le caratteristiche fisiche e culturali dei loro antenati): ma erano movimenti di popoli che avvenivano per ragioni storiche precise, non “organizzati” a tavolino a scopo distruttivo. Chi afferma che oggi non esistono più le “razze pure” e quindi è inutile fare questi discorsi, oltre a essere un ignorante (i giapponesi, i cinesi, gli indiani, gli arabi, i neri dell’Africa, insomma, miliardi di persone, non sono forse ancora oggi “razza pura”?) o bugiardo, è un vero razzista. Il problema non è la “purezza della razza”: il problema è la volontà prestabilità da ideologie totalitarie e dissolutorie di distruggere ciò che esiste da millenni per scopi inconfessabili.

Lascio al lettore l’intuizione su chi oggi, tra tutti i potenti e leader mondiali, sta attuando alla lettera questo piano, essendosi chiaramente venduto a quei poteri totalitari, sinarchici e finanziari che hanno avuto il compito di realizzarlo agli inizi di questo XXI secolo.

Un conto è la carità verso il prossimo in difficoltà: si vogliono aiutare i popoli africani e asiatici in difficoltà? Ottimo e semplice: si investe nei loro paesi, così li si fa progredire, non li si obbliga a dolorose separazioni e rischiosi viaggi, a sicura miseria qui, e si guadagna pure investendo in aree di sviluppo. Quindi, l’immigrazionismo non ha nulla a che vedere con la carità e l’ospitalità: ne è anzi l’antitesi. Lo Ius soli è invece fondato sull’odio distruttivo. Anzi, come detto, sul razzismo.

La vera carità consiste nel portare aiuto – sia chiaro: a chi veramente soffre, non al 90% degli immigrati che giungono in Italia e che sono tutti nel pieno delle forze fisiche, ricolmi di richieste di diritti e di tracotanza e disprezzo verso chi li ospita e spesso di violenza, mentre delle decine di milioni di persone che muoiono realmente di fame non v’è traccia alcuna – a chi è in difficoltà direttamente nelle loro terre, investendo lì in fabbriche, scuole, ospedali, bonifiche, lavoro, cultura, ecc. In questo modo, quelle persone rimangono nelle loro terre e patrie e crescono migliorando le proprie condizioni, mentre noi manteniamo il mondo lasciatoci dai nostri antenati. E ognuno mantiene la ricchezza meravigliosa della propria integrità, fiore dell’immenso campo dell’umanità, come Dio lo ha seminato.

Questa è la carità: il rispetto degli altri, l’aiuto agli altri nel rispetto verso noi stessi, la difesa dell’ordine del creato come il Creatore lo ha pensato e voluto. Il resto, è infernale trappola di distruzione. Per tutti, immigrati compresi.

E la carità verso noi italiani? La carità verso i nostri figli e nipoti? E la responsabilità di conservare e trasmettere quanto ci è stato conservato e trasmesso da tutte le precedenti generazioni italiane? Questa responsabilità è talmente onerosa, cogente e grave che venirne meno vuol dire essere traditori: verso i posteri, verso gli antenati, verso l’Italia, verso la storia della più grande civiltà umana, verso la Carità. Verso l’ordine del creato e quindi verso il Creatore.

Forse, proprio in nome della Carità e della responsabilità, dovremmo tutti muoverci contro il razzismo degli antirazzisti, per non essere noi stessi i primi razzisti. Questa è l’ora della Carità: anche di quella del nostro essere italiani.

_____

Rodotà Stefano, La Carta come atto politico e documento giuridico, in Manzella A. – Melograni P. – Paciotti E. – Rodotà S., Riscrivere i diritti in Europa. La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, Bologna, Il Mulino, 2001, citazioni pp. 76 e 67.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!