Coop mediatore pro-stupro ospitava profugo stupratore e assassino

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Il mediatore culturale sotto accusa per avere difeso gli stupratori maghrebini di una povera ragazza polacca, tradendo una inquietante ‘esperienza’ nel campo delle violenze sessuali:

Tal Abid Jee lavora per la cooperativa Lai-Momo. Si scopre che questa cooperativa è la stessa che gestiva il profugo stupratore e assassino:

PROFUGO PRIMA LO SODOMIZZA, POI LO UCCIDE CON 30 COLTELLATE DI INTEGRAZIONE

La domanda che ci facciamo è se ci sono stati contatti tra l’esperto di stupri e mediatore culturale e il profugo assassino. Sembra scontato, visto il suo ‘lavoro’.

E la coop Lai-Momo ha molte entrature nel PD, tanto da vincere numerosi appalti per l’assistenza dei fancazzisti afroislamici:

BOLOGNA: ARRIVANO ALTRI 300 FINTI PROFUGHI, CACCIA A CASE SFITTE

E non solo, la cooperativa ospitava un altro stupratore, tanto che Vox aveva intuito qualcosa di strano:

Se abiti in comune con profughi, hai 1.000 volte più probabilità di essere stuprata

Chissà, forse il mediatore culturale faceva corsi di stupro.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!