POST

LE PAROLE DEL CAPITANO: “IL NOSTRO SARÀ IL GOVERNO DELL’ORGOGLIO E RICOSTRUIREMO L’UE”

“Noi non andiamo a sfasciare niente, andiamo a ricostruire una posizione dell’Italia in Europa, con orgoglio e dignità, senza essere subalterni”. Queste le parole di Matteo Salvini, lasciando la Camera dei Deputati, a proposito del nuovo governo di Giuseppe Conte, che quest’oggi ha accettato – seppur con riserva – il mandato da Sergio Mattarella. E proprio su Conte, Salvini ha svelato Read more

POST

L’ULTIMO RICATTINO UE: PER ORA SIAMO CREDIBILI… “COL NUOVO GOVERNO CHISSÀ”

“Abbiamo dimostrato con i fatti che rispettando le regole europee si può concorrere a modificarle. Se si andasse fuori strada a essere danneggiati non sarebbero gli euroburocrati ma i cittadini italiani. Attenzione perché c’è un percorso, ci sono risultati, solidità e molte cose da fare. Ma tutto si può fare tranne che buttarlo all’aria perché a Read more

POST

MATTARELLA CHIEDE GARANZIE PER TRANQUILLIZZARE UE E USA…

Intrappolati come nel Giorno della marmotta, con gli avvenimenti che inesorabili si ripetono uguali a se stessi in un eterno loop. Ormai da 72 ore, infatti, ogni sera il governo M5s-Lega che è ad un passo dal nascere finisce per saltare. E ogni mattina riparte il pressing su Silvio Berlusconi per avere il suo via Read more

POST

Bilancio Ue, più tasse per mantenere immigrati

La proposta del nuovo bilancio Ue “ammonta a importo globale di 1.279 miliardi di euro”, con “contributi addizionali limitati ma necessari per finanziare le nuove priorità”, che portano la cifra all’1,11% del pil dei Paesi Ue, “una proposta ragionevole e responsabile”: ha detto il presidente della Commissione Ue, il noto bevitore Jean Claude Juncker presentando Read more

POST

L’UE RESPINGE I PROFUGHI E INDOVINA UN PÒ? L’ITALIA LI RIPRENDE (PAGANDO ALTRI 4 MILIONI)

Numeri alla mano gli sbarchi sono in diminuzione anche se, nell’ultima settimana, complice l’inizio della bella stagione, i dati del Viminale riportano quasi un migliaio di nuovi arrivi. E se questo non bastasse negli ultimi sei mesi ha incominciato a pensarci anche l’Unione Europea a rispedire, in territorio italiano, circa 500 stranieri per il reinsediamento. Read more

POST

LA UE RICHIAMA L’ITALIA: “I DOCUMENTI D’IDENTITA’ CARTACEI DA SOSTITUIRE ENTRO DUE ANNI”

Il monito che arriva da Strasburgo è chiaro e inequivocabile: la carta d’identità italiana nella sua versione cartacea non è sicura e deve essere abbandonata entro due anni. “L’unico paese che utilizza le carta di identità cartacee è l’italia, non puntiamo il dito contro l’Italia, ma chiediamo a tutti di sostituirle, in onore di una sicurezza efficace: le Read more

POST

L’UE È SEMPRE PIÙ ATEA? SI, MA CRESCONO GLI ISLAMICI

I giovani europei credono sempre meno all’esistenza di Dio. Un sondaggio del St.Mary University Twickenham, citato dal Guardian e ripreso da Il Foglio, ha registrato un ulteriore calo dei “consensi” per il sacro. L’Europa, secondo i dati che sono emersi, pare marciare verso una lenta e progressiva desacralizzazione. Le rilevazioni sono avvenute nel corso del biennio 2014-2016 e hanno interessato Read more

POST

BOOM DI RICHIESTE ASILO E SECONDA NELLA CLASSIFICA DELL’UE, INDOVIA CHI? L’ITALIA!

L’Italia al secondo posto in Europa per richieste di asilo. È questo il quadro che emerge da un documento dell‘Eurostat pubblicato oggi. In Italia le richieste di asilo sono 126mila. Davanti c’è solo la Germania con 198mila richieste. Al terzo posto c’è invece la Francia con 91mila richieste. A seguire poi la Grecia con 57mila e il Regno Read more

POST

Orban rimpatria l’oro ungherese. Buonsenso nella generale pazzia

Orban rimpatria l’oro ungherese. Buonsenso nella generale pazzia di Maurizio Blondet L’Ungheria ha annunciato che rimpatrierà 100 mila once delle  sue riserve aure, limitatissime (5 tonnellate) che  conserva presso la Banca d’Inghilterra.  Budapest segue in ciò Germania, Austria, Olanda e  persino il Venezuela: Chavez ha rimpatriato 180 tonnellate nel 2011.  Russia, Cina ed anche Turchia Read more

POST

Ema, giudice olandese deciderà su ricorso di Milano contro Amsterdam

Sarà un giudice olandese, Marc van der Woude, a decidere sul ricorso del comune di Milano per l’assegnazione della sede Ema (Agenzia europea del farmaco) ad Amsterdam: nomina che arriva direttamente dalla Corte europea di giustizia di Lussemburgo. A questo si aggiungono dubbi sul sorteggio e sulle regole poco trasparenti, oggetto del ricorso presentato da Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: