POST

QUANDO IL FISCO USA I SOCIAL PER FARTI I CONTI IN TASCA…

In queste vacanze tanti italiani hanno ceduto alla tentazione di fare qualche selfie di troppo. Feste con gli amici, cene e anche vacanze. E così qualche foto in più può essere fatale sotto gli occhi del Fisco. Infatti, come aveva ricordato ilGiornale, gli accertamenti in fase di contestazione hanno trovato nei social network un vero e proprio Read more

POST

POI IN AUSTRALIA SCOPPIA IL CASO DELLA STATUA “PEDOFILA”: LA SCUOLA È COSTRETTA A COPRIRLA

Una statua dedicata a San Martino de Porres, il religioso peruviano dell’ordine dei Domenicani primo santo di colore della Chiesa Cattolica, ha scatenato un caso in Australia. La scuola Blackfriars di Adelaide ha dovuto coprire il monumento perché considerato “offensivo”. Nella statua il santo porge un panino a un fanciullo, peccato che il tozzo di Read more

POST

POI IN AUSTRALIA SCOPPIA IL CASO DELLA STATUA “PEDOFILA”: LA SCUOLA È COSTRETTA A COPRIRLA

Una statua dedicata a San Martino de Porres, il religioso peruviano dell’ordine dei Domenicani primo santo di colore della Chiesa Cattolica, ha scatenato un caso in Australia. La scuola Blackfriars di Adelaide ha dovuto coprire il monumento perché considerato “offensivo”. Nella statua il santo porge un panino a un fanciullo, peccato che il tozzo di Read more

POST

SU FB LA PAGINA “MUSULMANI CONTRO IL NATALE”, RICOMINCIA L’ATTACCO ALLE NOSTRE TRADIZIONI

“Quando avremo finito il jihad contro il Natale (festeggiamento falso) ci occuperemo anche della Pasqua nella quale viene affermata la falsa storia della resurrezione perché Gesù era solo un uomo e non una divinità”. Oppure, “bisogna chiamare il presidente delle scuole di dove vanno i nostri figli e fare togliere il presepio”. Sono le minacce scritte in Read more

POST

SPARA SUI PASSANTI DA UNA FINESTRA E POSTA IL VIDEO SUI SOCIAL

Uno studente dell’Università di Kharkiv, in Ucraina, si è affacciato dalla finestra dalla sua abitazione, in pieno centro della città, e ha iniziato a sparare sui passanti. Poi ha postato il video sui social e ha scritto: “Non mi dispiace sparare per gli amici”, intendendo probabilmente con “amici” quelli virtuali della sua pagina Facebook e Instagram. Gli utenti hanno segnalato il Read more

POST

GIUSTIZIERI DA STRAPAZZO: L’AMBULANZA CORRE CONTROMANO PER SALVARE IL FERITO, LORO LA BLOCCANO E SI VANTANO SUI SOCIAL (Ma va là!)

loading… È una storia assurda quella che arriva da Torino. Una storia di “giustizialismo” che ha messo a rischio la vita di una persona. “Al grido di ‘vergogna, vergogna’ li abbiamo fatti tornare indietro in retromarcia”, si vantavano sulla pagina Facebook di “Torino Sostenibile”, Claudio e Paolo che lo scorso 20 marzo hanno bloccato la Read more

POST

DOPO LA PUBBLICAZIONE DELLE FOTO DEL FOGLIO, IDENTIFICATI GLI AGGRESSORI, HANNO TUTTI MENO DI 14 ANNI: “HO FATTO LA SCELTA GIUSTA”

loading… Dopo la pubblicazione su Facebook della foto shock del figlio 13enne con il volto tumefatto per l’aggressione dei coetanei, il padre del ragazzino dice: “Ho fatto la scelta giusta”. Quella foto “tocca l’animo delle persone e pone l’attenzione su un problema: quello che è successo a mio figlio domani può accadere al figlio di Read more

POST

CHE FINE HA FATTO MARIA ELENA? IL MISTERO SUL SUO SILENZIO SOCIAL

Di lei si è parlato moltissimo. Su Maria Elena Boschi sono stati scritti fiumi d’inchiostro. Già, perché dopo le dimissioni ci si aspettava che sparisse dal governo, ma come è noto così non è stato. Nella squadra di Paolo Gentiloni, pur tra mille polemiche ed altrettanti sospetti, c’è eccome. Ma se la Boschi non è Read more

POST

“I SOCIAL NETWORK AIUTANO IL JIHAD”: FACEBOOK, TWITTER E GOOGLE CITATI IN GIUDIZIO

Il 12 giugno scorso Omar Mateen, ex guardia giurata di 29 anni, entro nel gay club Pulse di Orlando e aprì il fuoco sui presenti uccidendo 49 persone prima di essere ucciso dalle forze dell’ordine. L’Isis rivendicò l’attacco. Dalle successive indagini emerse che l’uomo non faceva parte di nessun gruppo organizzato, era passato all’Islam radicale Read more

POST

ATTENTO A COSA POSTI: 3 LADRI SU 4 USANO I SOCIAL PER RAZZIARE LE CASE

Oggi anche il Kevin di “Mamma ho perso l’ aereo”, anziché manichini, trappole e voci di film registrati per scacciare via i ladri, prenderebbe le adeguate contromisure sui social network. I ladri non sono più quella coppia di scalcagnati malviventi che attentano a casa McCallister, ma si sono aggiornati a livello tecnologico e utilizzano Facebook, Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: