POST

Emma Bonino come Riina?

di Lucandrea Massaro Facile da dire, ci si scarica la coscienza, ma poi resta tutto com’è. No per comunicare sul web ci vuole contezza ma soprattutto molta misericordia A porsi questa scomoda domanda, cioè se le vittime di Mafia meritino maggiore attenzione di quelle dell’aborto, è un prete bolognese, don Francesci Pieri, che dopo il gran Read more

POST

MAFIA: CHI ERA TOTÒ RIINA, IL BOSS CHE FECE GUERRA A STATO

In carcere, la prima volta, entra che ha da poco compiuto 18 anni. Un “battesimo” criminale precoce e un’accusa grave: l’omicidio di un coetaneo, durante una rissa, per cui viene condannato a 12 anni. Inizia così la “carriera” di Totò Riina, il capo di Cosa nostra morto nella notte nel reparto detenuti dell’ospedale di Parma. L’incontro con Luciano Leggio e l’ingresso in Read more

POST

LA FINE DEL CAPO DEI CAPI: È MORTO NELLA NOTTE TOTÒ RIINA

E’ morto nella notte Totò Riina. Malato da tempo, il boss originario di Corleone (Palermo) era ricoverato presso il reparto detenuti dell’ospedale di Parma. Il capomafia, che giovedì aveva compiuto 87 anni, era in coma da diversi giorni dopo due interventi chirurgici. Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, Riina era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso Read more

POST

MAFIA, NON È PIÙ SOLO “COSA NOSTRA”: A PALERMO NIGERIANI A GIUDIZIO COL 416 BIS (VIDEO) #GraziePD

Cinque nigeriani sono stati rinviati a giudizio dal gip di Palermo con l’accusa di associazione mafiosa. Altri 14 imputati come membri della mafia nigeriana hanno scelto il rito abbreviato. Un provvedimento che è stato una vera e propria corsa contro il tempo da parte del giudice per le indagini preliminari per evitare la scadenza dei termini di custodia cautelare degli stranieri detenuti. La Read more

POST

Cacciatori di calabria: gli eroi dei carabinieri che catturano i boss – VIDEO

Una battaglia quotidiana tra lo Stato di diritto e l’antistato della ‘ndrangheta. È quella che combatte lo Squadrone dei Carabinieri Cacciatori di Calabria, un gruppo altamente addestrato di 90 uomini che ogni giorno è impegnato per contrastare il malaffare sul territorio, tra le foreste dell’Aspromonte. Chi sono i Cacciatori di Calabria La scheda che appare sul sito dei Carabinieri, qui Read more

POST

RIPARTE LA MACCHINA DEL FANGO: BERLUSCONI E DELL’UTRI INDAGATI, “MANDANTI DELLE STRAGI DI MAFIA DEL 1993”

L’assalto giudiziario è ripartito. Preciso come un orologio. A pochi giorni dalle elezioni elettorali in Sicilia e a meno di un semestre dalle politiche, ecco che i magistrati vanno a indagare nuovamente Silvio Berlusconi. Lo accusano, insieme a Marcello Dell’Utri, di essere il mandante occulte delle stragi mafiose del 1993 che insanguinarono Firenze, Roma e Milano. La Read more

POST

Orfini (PD): “Mafia a Roma c’è ed è radicata”, se lo dice lui…

Il presidente del Pd, Matteo Orfini: “Possiamo reagire in tanti modi alla sentenza di ieri, tutti ovviamente comprensibili e legittimi. Ma il più sbagliato è quello forse più diffuso in queste ore: sostenere che si dovrebbe chiedere scusa a Roma perché Roma non è una città mafiosa. Lo dico da romano innamorato della mia città: Read more

POST

Caso Riina, “No” del Tribunale di Bologna alla scarcerazione

di Antonio Di Mola Magistrati riuniscono due procedimenti. Il capo dei capi di Cosa Nostra: “Non mi pento”. Totò Riina, il capo dei capi di Cosa Nostra rimane detenuto in regime di 41bis nel reparto riservato ai carcerati dell’ospedale di Parma. Il Tribunale di sorveglianza di Bologna ha infatti rigettato la richiesta di differimento della pena o, in subordine, di detenzione Read more

POST

IL PM: “LA MAFIA? UN VIRUS CHE MUTA OGNI GIORNO”

di Luca La Mantia A 25 anni dalla strage di via D’Amelio, nella quale persero la vita il giudice Paolo Borsellino e 5 membri della sua scorta, la mafia non è stata ancora sconfitta. Quel “fatto umano che, come tale, prima o poi dovrà finire”, come lo definì Giovanni Falcone, è passato dalla strada ai palazzi della politica e delle pubbliche amministrazioni, Read more

POST

BORSELLINO, UN MARTIRE DI STATO

Intervista al giudice Giuseppe Ayala Quel 19 luglio 1992, la famiglia Riina era davanti alla televisione, nella casa di vacanza. Rimasero tutti in silenzio, quando il telegiornale diede la notizia della Strage di Via D’Amelio, a Palermo, nella quale fu ucciso il magistrato Paolo Borsellino e persero la vita gli agenti Emanuela Loi, Agostino Catalano, Eddie Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: