POST

IL SINDACO: “LA MIA CASTEL VOLTURNO PREDA DELLA MAFIA NERA LO STATO NON ESISTE PIÙ”

Dimitri Russo, 47 anni, sindaco di Castel Volturno (Caserta), ha la faccia simpatica di un dj. La sua «musica» però ha il ritmo della passione politica, quella disinteressata dell’impegno sociale. Merce rara, soprattutto in un territorio dove lo Stato sembra aver deposto non solo le armi, ma anche la bandiera bianca con cui pare essersi Read more

POST

TOH, LE MANI DELLA MAFIA AGRIGENTINA SUI MIGRANTI

La provincia di Agrigento è forse quella che più di tutte vive il fenomeno legato all’immigrazione: sbarchi fantasma, che avvengono anche al di fuori della stagione estiva, forze dell’ordine sotto pressione specialmente quando aumenta il flusso di migranti verso le coste di questo territorio, paesi dove la presenza di importanti strutture di prima accoglienza creano Read more

POST

Agrigento, blitz con 56 arresti: Mafia investiva nei centri di accoglienza per immigrati

Francesco Fragapane a 37 anni era un rampollo di Cosa nostra. Reggente del mandamento di Santa Elisabetta e di un grande mandamento, chiamato “della montagna”, che racchiudeva sotto di se anche i paesi di San Biagio Platani, Cammarata, San Giovani Gemini, Sant’Angelo Muxaro, Casteltermini, Favara, Raffadali, Santo Stefano di Quisquina, Bivona, Alessandria della Rocca. Una Read more

POST

AGRIGENTO, LA MAFIA CHIEDEVA IL PIZZO AI CENTRI DI ACCOGLIENZA PER RIFUGIATI: BLITZ CON 56 ARRESTI…

Francesco Fragapane a 37 anni era un rampollo di Cosa nostra. Reggente del mandamento di Santa Elisabetta e di un grande mandamento, chiamato “della montagna”, che racchiudeva sotto di se anche i paesi di San Biagio Platani, Cammarata, San Giovani Gemini, Sant’Angelo Muxaro, Casteltermini, Favara, Raffadali, Santo Stefano di Quisquina, Bivona, Alessandria della Rocca. Una Read more

POST

PALERMO, 5 FERMATI PER MAFIA: TRA LORO IL FIGLIO DELLʼ”AUTISTA” DI RIINA

La Dda di Palermo ha fermato cinque persone accusate di mafia ed estorsione. I cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è lui il nuovo “reggente” del mandamento di San Lorenzo ed è Read more

POST

Emma Bonino come Riina?

di Lucandrea Massaro Facile da dire, ci si scarica la coscienza, ma poi resta tutto com’è. No per comunicare sul web ci vuole contezza ma soprattutto molta misericordia A porsi questa scomoda domanda, cioè se le vittime di Mafia meritino maggiore attenzione di quelle dell’aborto, è un prete bolognese, don Francesci Pieri, che dopo il gran Read more

POST

MAFIA: CHI ERA TOTÒ RIINA, IL BOSS CHE FECE GUERRA A STATO

In carcere, la prima volta, entra che ha da poco compiuto 18 anni. Un “battesimo” criminale precoce e un’accusa grave: l’omicidio di un coetaneo, durante una rissa, per cui viene condannato a 12 anni. Inizia così la “carriera” di Totò Riina, il capo di Cosa nostra morto nella notte nel reparto detenuti dell’ospedale di Parma. L’incontro con Luciano Leggio e l’ingresso in Read more

POST

LA FINE DEL CAPO DEI CAPI: È MORTO NELLA NOTTE TOTÒ RIINA

E’ morto nella notte Totò Riina. Malato da tempo, il boss originario di Corleone (Palermo) era ricoverato presso il reparto detenuti dell’ospedale di Parma. Il capomafia, che giovedì aveva compiuto 87 anni, era in coma da diversi giorni dopo due interventi chirurgici. Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, Riina era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso Read more

POST

MAFIA, NON È PIÙ SOLO “COSA NOSTRA”: A PALERMO NIGERIANI A GIUDIZIO COL 416 BIS (VIDEO) #GraziePD

Cinque nigeriani sono stati rinviati a giudizio dal gip di Palermo con l’accusa di associazione mafiosa. Altri 14 imputati come membri della mafia nigeriana hanno scelto il rito abbreviato. Un provvedimento che è stato una vera e propria corsa contro il tempo da parte del giudice per le indagini preliminari per evitare la scadenza dei termini di custodia cautelare degli stranieri detenuti. La Read more

POST

Cacciatori di calabria: gli eroi dei carabinieri che catturano i boss – VIDEO

Una battaglia quotidiana tra lo Stato di diritto e l’antistato della ‘ndrangheta. È quella che combatte lo Squadrone dei Carabinieri Cacciatori di Calabria, un gruppo altamente addestrato di 90 uomini che ogni giorno è impegnato per contrastare il malaffare sul territorio, tra le foreste dell’Aspromonte. Chi sono i Cacciatori di Calabria La scheda che appare sul sito dei Carabinieri, qui Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: