POST

RIVOLTA NELLA BASE M5S PER LA “SVOLTA” UMILIANTE: “NIENTE TRATTATIVE SU FORNERO E JOBS ACT”

La base del M5s è in fibrillazione per la trattativa con il Pd. I grillini infatti non sono disposti a trattare sulla riforma della Fornero, sul sostegno economico ai disoccupati e su una profonda revisione del Jobs Act. Luigi Di Maio sta cercando di tranquillizzare la sua base dopo la virata verso il partito democratico, Read more

POST

EFFETTO ‘JOBS ACT’: CROLLO RECORD DELLE ASSUNZIONI STABILI, A DICEMBRE MENO 60%

Continuano a farsi sentire in modo pesante i nefasti effetti del ‘Jobs Act’ renziano sulle assunzioni. Giovedì l’Inps ha certificato che quelle stabili sono calate del 60% a dicembre. Dalle tavole dell’Osservatorio sul precariato emerge un un dato negativo che si riflette sull’intero 2017, durante il quale sono stati attivati, comprese le trasformazioni, 1.547.370 milioni di contratti Read more

POST

Inps, lavoro e nuovi contratti: più di tre su quattro sono precari

ECONOMIA giovedì, 21, settembre, 2017 In Italia ”si registra un’ulteriore compressione dell’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni: 24,2% nei primi sette mesi del 2017”. Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul precariato. Nel 2015, invece, ”quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato, era stato – ricorda l’Inps Read more

POST

Renzi, non credete alle falsità su di noi

NEWS, POLITICA sabato, 16, settembre, 2017 16 SET – “Non credete alle fake news”: Matteo Renzi ha fatto questo invito agli studenti della scuola politica di Pier Paolo Pasolini a Milano introducendo la giornata di lavoro di oggi. Nel suo discorso non ha mai fatto riferimenti diretti alla vicenda Consip. “Non fatevi fregare da chi Read more

POST

Inps: assunzioni stabili giù del 5,5%. Boom del lavoro a chiamata

ECONOMIA, Lavoro, NEWS venerdì, 21, luglio, 2017 Nel settore privato le assunzioni nei primi cinque mesi dell’anno sono state complessivamente 2.736.000, in aumento del 16% rispetto al periodo gennaio-maggio 2016. Il maggior contributo è però dato dalle assunzioni a tempo determinato (+23%), mentre sono diminuite quelle a tempo indeterminato (-5,5%). E’ quanto rileva l’osservatorio sul Read more

POST

“LA CONSULTAZIONE SULL’ART. 18? INAMMISSIBILE”: COSÌ LO STATO VUOL SALVARE IL JOBS ACT (MA VA LÀ!)

Roma Eccola la longa manus di Renzi sul governo del suo successore, arriva con la memoria depositata dall’Avvocatura di Stato che boccia il referendum sul Jobs Act. Il quesito sull’articolo 18 sarebbe «inammissibile», perché avrebbe «carattere surrettiziamente propositivo e manipolativo». Non solo. In caso di esito positivo del referendum, l’abolizione dei voucher e delle disposizioni Read more

POST

IL JOBS ACT ORA SCUOTE IL PD, ORLANDO: “VA MODIFICATO”

Sarà perché è nato in e per un sistema bipolare che non esiste più. Sarà perché non ha mai sciolto le contraddizioni politiche, immaginando di poterle scansare ora con il «collettivo» alla Bersani, ora con il «genio oriundo» Renzi. Ma i nodi vengono al pettine, e chissà che stavolta non strozzino l’ipocrita fantasia denominata Pd. Read more

POST

ARRIVA UN NUOVO REFERENDUM ANTI-RENZI; IL VOTO CHE LO CANCELLA PER SEMPRE?

Nella concitazione della campagna elettorale e nel caos che ha seguito il referendum sulle riforme dello scorso 4 dicembre, in molti si sono dimenticati di un assai probabile, altro referendum, all’orizzonte degli elettori italiani. Si tratta della consultazione popolare richiesta dalla Cgil in materia di lavoro e di jobs act (disposizioni in materia di licenziamenti Read more

POST

ALLE URNE PRIMA DEL REFERENDUM SUL JOBS ACT? ESATTO, POLETTI FISSA LA FINE DI GENTILONI…

“Se si vota prima il problema non si pone”. Commentando con l’Ansa i rischi del voto sul referendum sul Jobs Act proposto dalla Cgil, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti fissa la scadenza del governo Gentiloni. “Questo è un governo che fa la legge elettorale e poi lascia il campo – mette in chiaro – Read more

POST

INDOVINA UN PÒ? CON IL JOBS ACT I LICENZIAMENTI DISCIPLINARI SONO CRESCIUTI DEL 28% #VOTOSUBITO

L’Osservatorio sul precariato dell’Inps ha registrato un’innalzamento dei licenziamenti disciplinari dall’entrata in vigore del Jobs Act, cioè da marzo del 2015. Nello specifico i licenziamenti sono aumentati del 28 per cento nei primi 8 mesi di quest’anno. Per capire se sia una conseguenza della riforma, La Stampa ha messo a confronto storie di lavoratori che Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: