POST

EURO: FRANCIA E GERMANIA STANNO PREPARANDO UNA “SORPRESINA” ALL’ITALIA

Forse Gentiloni farebbe bene guardare a quello che stanno preparando Francia e Germania nei conciliaboli riservati di queste settimane per ridisegnare le regole di bilancio e del rapporto fra banche e debito pubblico dell’area euro. Macron e la Merkel hanno messo in campo una task force di 14 economisti per modificare l’architettura Ue secondo gli interessi dei loro, rispettivi Paesi. E Read more

POST

FARINA UMILIA LA POLONIA: “SI EVIRERA’ DA SOLA, ENTRERA’ NELL’EURO”

C’è un Paese che va fortissimo, in Europa. Non è mai stato neppure un mese in recessione, mentre da noi calava l’ occupazione, lì cresceva. Come mai? Una delle ragioni, e non l’ ultima, è che, pur stando nell’ Unione Europea, non se n’ è fatto comandare. È la Polonia. In questi anni ha preferito obbedire allo spirito polacco, Read more

POST

IL DIETRO FRONT DI DI MAIO: “NON È PIÙ IL MOMENTO DI USCIRE DALL’EURO”

Niente più uscita dall’euro e il referendum come “extrema ratio, che spero di non dover usare”. E’ quanto ha detto Luigi Di Maio, candidato premier dei Cinque Stelle, durante la registrazione di ‘Porta a Porta’. “Noi diamo 20 miliardi di euro alla Ue: dobbiamo contare e andare a quei tavoli” per cambiare le regole, aggiunge riferendosi al ruolo Read more

POST

I padroni del mondo: il gruppo finanziario globale che guida la vita politica degli stati

di Paul Antonopoulos L’ex primo ministro portoghese ed ex presidente della Commissione Europea (2004-2014), José Manuel Barroso, già presidente non esecutivo della Banca d’affari, assumerà il ruolo di CEO di Goldman Sachs International. Il suo compito principale sarà limitare gli effetti negativi della Brexit sulla controversa banca . Come noto la Goldman Sachs è una delle Read more

POST

Euro, Di Maio annuncia il contrordine: “Sbagliato uscire”

Luigi Di Maio, ospite a Porta a Porta, mette la parola fine all’uscita dall’euro: “Io non credo sia più il momento per l’Italia di uscire dall’euro perché l’asse franco-tedesco non è più così forte, e spero di non arrivare al referendum sull’euro che comunque per me sarebbe un’estrema ratio”. E così si conclude il sogno Read more

POST

PRODI SENZA VERGOGNA SMENTISCE UNA VERITÀ STORICA: “COLPA DI BERLUSCONI SE L’EURO È STATO UN DISASTRO”

“È surreale che Silvio Berlusconi punti il dito accusatorio per la gestione dell‘introduzione dell’euro. E ci sarebbe da ridere perché fu proprio il suo governo che non volle gestire questa fase come invece avvenne in tutti gli altri Paesi”. Così l’ex premier Romano Prodi, replica in una nota all’intervista rilasciata da Berlusconi a Franco Bechis per il Corriere dell’Umbria. “Il 1 gennaio Read more

POST

L’ULTIMA PROPOSTA DI BERLUSCONI: “REDDITO DI DIGNITÀ PER CHI SOTTO LA SOGLIA DEI 1.000 EURO AL MESE”

Il fisco, il lavoro, la crescita dei poveri in Italia. Problemi che vanno affrontati di petto e subito. Per contrastare la disoccupazione giovanile “deve essere per le aziende molto conveniente assumere un giovane”, per questo “pensiamo a un totale sgravio fiscale e alla decontribuzione per le aziende che li assumono, con contratti di apprendistato per Read more

POST

BORGHI: “BASTA EURO, LA SOVRANITÀ MONETARIA SARÀ BUONA COME LA CARBONARA!”

Qualche tempo fa uscire dall’euro era uno di quei temi in trattazione dalla neuropsichiatria, strali di qualche “pazzo” economista che per le strade cercava di svelare l’inganno della moneta forte. Eppure dopo cinque anni dalla fortunata video-intervista di Claudio Borghi Aquilini, ne è uscita una nuova su Youtube, in cui si riprende il tema e si ritratta con Read more

POST

SALVINI ALL’ATTACCO DELL’EURO: “IL REFERENDUM È UNA SCIOCCHEZZA, RESTARE PERÒ A NON HA SENSO”

“Il referendum sull’euro è una sciocchezza anche perché non è previsto dalla Costituzione”. Matteo Salvini stronca la proposta del M5S . “L’emergenza è riattivare lavoro e produzione in Italia“, spiega a Circo Massimo su Radio Capital il leader della Lega, che resta euroscettico: “O il sistema di regole europee viene cambiato o danneggia il Paese”, precisa, “Il governo Read more

POST

La multa per chi utilizza cellulari alla guida raddoppia: si rischiano sanzioni fino a 2588 euro

di Charlotte Matteini Alcuni emendamenti alla legge di bilancio prevedono il raddoppio delle multe per chi utilizza smartphone e cellulari alla guida dell’automobile, fino a un massimo di 2588 euro. Prevista anche la sospensione della patente fino a 6 mesi per i recidivi. Immagine: Fanpage.it Non solo l’obbligo di installazione del dispositivo anti-abbandono volto a Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: