POST

Scozia: isola comprata da 5 dei suoi 6 abitanti per non farla cadere in mani arabe

Ulva è una piccola isola al largo della costa occidentale della Scozia. E’ stata acquistata dai suoi cinque abitanti che temevano che sarebbe caduta nelle mani di sceicchi arabi. Il sesto abitante, membro di una famiglia aristocratica a cui l’isola apparteneva da decenni, l’aveva messa in vendita lo scorso luglio per 4,25 milioni di sterline Read more

POST

E’ italiano l’albero più antico d’Europa: Italus

È in una località che per ora deve rimanere segreta, in Calabria, ma a pochi metri dal confine con la Basilicata. E’ il pino loricato più antico d’Europa. Ed è in Italia. E’ alto dieci metri, si slancia verso l’alto su una base di 160 centimetri di diametro. Gli studiosi l’hanno ribattezzato Italus, in onore Read more

POST

Fiume diventa giallo grazie ai ristoranti etnici – FOTO

Bradford, città dello Yorkshire, Inghilterra, è l’ultimo simbolo dell’invasione che sta cambiando il volto etnico dell’Europa. Tanto da cambiare il colore del fiume Yorkshire che l’attraversa. Il fiume sotterraneo che scorre sotto Bradford è infatti diventato giallo, a causa della curcuma e altre spezie al curry che i 200 locali asiatici scaricano direttamente nel sistema Read more

POST

Sito nucleare scarica direttamente in mare, sequestro

Per evitare che continui lo scarico nel mare Jonio di acqua contaminata proveniente dall’impianto nucleare Itrec di Rotondella (Matera), la Procura della Repubblica di Potenza ha fatto eseguire stamani il sequestro di tre vasche di raccolta delle acque di falda e della condotta di scarico. I reati ipotizzati nell’inchiesta sono: inquinamento ambientale, falsità ideologica, smaltimento Read more

POST

Strage di alberi a Roma in periodo nidificazione

“Flora e fauna non vengono tutelati a Roma. La giunta Raggi ha fatto abbattere circa 20 pini secolari a San Giovanni, 48 robinie a San Paolo e 60 acacie nel Villaggio Breda. La Capitale ha perso in totale 450 alberi”. Lo denuncia Rinaldo Sidoli, responsabile nazionale iniziative speciali di Le.I.D.A.A. (Lega Italiana Difesa Animali e Read more

POST

Sbarchi inquinano le coste italiane, allarme ambientalisti

Mareamico di Agrigento, associazione ecologica per la protezione dell’ambiente, ha un territorio particolarmente ostico su cui lavorare: si tratta di un’area vasta e difficile da controllare e salvaguardare. E, secondo quanto rivelato dai rappresentanti dell’associazione, la zona agrigentina, in particolare l’area costiera, subisce in maniera irreversibile gli effetti dannosi dell’immigrazione. L’associazione ecologica, ancora una volta, Read more

POST

Ora il Vaticano devasta i boschi di Roma, taglio selvaggio

Nel bosco ceduo di Castel Romano il taglio di querce e frassini prosegue senza sosta. Grazie all’autorizzazione del Comune di Roma. Nonostante le proteste di tanti cittadini e Associazioni, giovedì 15 Marzo 2018 le motoseghe di Propaganda Fide hanno cominciato a tagliare i 21 ettari di bosco a Castel Romano. La decisione di “fare legna” Read more

POST

Unione europea annuncia nuovo accordo per olio di oliva tunisino

L’ambasciatore Ue a Tunisi, perché abbiamo anche ambasciatori UE a parassitare i contribuenti, nel corso della trasmissione televisiva “Naatik bel Akhbar”, sul canale nazionale Wataniya 1, ha annunciato l’avvio di una trattativa, tra funzionari Ue e tunisini, per la promozione dell’olio di oliva tunisino in Europa. Non è un segreto che, forte delle 220 mila Read more

POST

Arance al macero grazie alla UE: “Siamo costretti a buttarle” – VIDEO

Il made in Italy è sotto attacco. La Globalizzazione che ha eliminato le frontiere sia all’interno della Ue che da Asia e Nordafrica sta distruggendo anche la nostra filiera alimentare. E’ impossibile competere con chi immette prodotti a basso costo e magari cancerogeni sul mercato. Così, abbiamo agrumi al macero: http://vod06.msf.ticdn.it/farmunica/2018/01/152028_161152cd48aa2f/161152cd48aa2f-20_0.mp4 Ed è sempre più Read more

POST

Ilva, cosa respirano i bimbi italiani di Taranto – FOTO

Al ritorno a scuola dopo due giorni di vacanze forzate a causa del forte vento che riversa le polveri sulla zona, i bambini dei plessi del rione Tamburi di Taranto hanno pulito i banchi con panni e fazzoletti che sono rimasti impregnati di polvere minerale. Le scuole del quartiere a ridosso dell’Ilva restano chiuse per Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: