POST

I padroni del mondo: il gruppo finanziario globale che guida la vita politica degli stati

di Paul Antonopoulos L’ex primo ministro portoghese ed ex presidente della Commissione Europea (2004-2014), José Manuel Barroso, già presidente non esecutivo della Banca d’affari, assumerà il ruolo di CEO di Goldman Sachs International. Il suo compito principale sarà limitare gli effetti negativi della Brexit sulla controversa banca . Come noto la Goldman Sachs è una delle Read more

POST

RE GIORGIO NON SMETTE CON I DIKTAT: “ITALIANI OBBEDITE ALLA MERKEL E A DRAGHI” (Ma va là)

Lancia messaggi, attacca, intima, consiglia: a giudicare dal tono dell’intervista data a Repubblica sembra che il presidente emerito Giorgio Napolitano sia ancora convinto di stare al Quirinale, di determinare molto nella politica italiana, di condizionare scelte e strategie. Non perde il vizio di tessere le fila, di parlare da padrone, di aspirare a un regia purchessia. L’ex inquilino del Read more

POST

BERLUSCONI: “COINVOLGERE DRAGHI PER SCOPI ELETTORALI È IRRESPONSABILE”

“Vedo un tentativo di usare la questione banche a scopi elettorali, da diverse parti. Coinvolgere Mario Draghi è irresponsabile. Non è così che si dovrebbe trattare un tema tanto delicato”. Queste le parole di Silvio Berlusconi in un’intervista al Quotidiano Nazionale in cui il leader di FI chiude alle larghe intese (“no a Pd e M5s”), e rilancia sulle Read more

POST

LA MOSSA KILLER DI RENZI, SPARA SU VISCO MA I SUOI OBIETTIVI SONO ALTRI 2

La riconferma di Ignazio Visco a governatore di Bankitalia sarebbe avvenuta anche sotto la pressione di Mario Draghi che voleva evitare discontinuità a Palazzo Koch in un momento di debolezza politica per l’inizio della campagna elettorale. Rivela il Tempo in un retroscena che per questa ragione la mossa di Matteo Renzi rappresenta non solo un siluro contro Visco ma anche contro Draghi, e non a Read more

POST

“L’UOMO CHE SUSSURRAVA AI POTENTI” E QUEI GIOCHI DI POTERE…

Quando si parla di nomine, poltrone e potere, è cosa buona e giusta dare ascolto a Luigi Bisignani, l’uomo che sussurrava ai potenti, colui che tutto – o quasi – sa. Le ultime “soffiate” corrono sulla prima pagina de Il Tempo, in una lettera al direttore in cui esordisce ricordando che “i generali in Italia l’unica guerra che sanno Read more

POST

UE, Draghi: “Crisi, finita. Servono misure per consolidare il benessere”

EUROPA UE, NEWS giovedì, 18, maggio, 2017 L’Europa è finalmente riuscita a mettersi “la crisi alle spalle”, ora, ha affermato il presidente della Bce, Mario Draghi, servono riforme strutturali per consolidare crescita e benessere, ma bisogna anche “ritrovare il senso del progetto dell’Unione europea” “La crisi è alle nostre spalle. La ripresa nell’area euro è Read more

POST

C’È ARIA DI CONFLITTO D’INTERESSI IN CASA DRAGHI: IL RAMPOLLO DI SUPERMARIO LASCIA MORGAN STANLEY PER SPECULARE SULL’EURO

Giacomo Draghi, figlio del presidente della Banca centrale europea, il nostro super-Mario, è in procinto di dare le dimissioni da Morgan Stanley per accasarsi al fondo avvoltoio Lmr Partners. Per 13 anni è stato ai vertici della banca d’affari americana, occupandosi di strumenti derivati denominati in euro e franchi svizzeri. Il fondo Lmr, fondato da Read more

POST

DRAGHI CI METTE IL BECCO, L’AVVISO A MATTARELLA: CHI VUOLE PREMIER

Sul post Renzi non decide solo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ma anche qualcuno da Francoforte: Mario Draghi. Il presidente della Bce, come riporta il Giorno, vuole fare sentire la sua voce. E lo ha già fatto con due semplici mosse. La prima aè stata di allungare di nove mesi il cosiddetto Quantitative Easing, la Read more

POST

DRAGHI: “ABBIAMO UN PROBLEMA SI CHIAMA DONALD TRUMP” (Ma va là!)

«Abbiamo un problema, e si chiama Trump». Troppo esplicito, troppo tranchant rispetto allo stile della Bce? Poco importa. Perché dalle parole pronunciate ieri da Mario Draghi si capisce benissimo che The Donald preoccupa eccome l’Eurotower. Sono le stesse inquietudini espresse giovedì dalla numero uno della Fed, Janet Yellen, a segnalare un punto di convergenza sui Read more

POST

E ORA VOGLIONO FAR FUORI DRAGHI PER SOSTITUIRLO CON WEIDMANN…

«Più gli stimoli vanno avanti, meno effetto avranno e più i rischi aumenteranno». Così il numero uno della Bundesbank, Jens Weidmann, ha voluto festeggiare ieri i cinque anni di Mario Draghi alla guida della Bce. Non è un messaggio casuale, perché negli ultimi giorni il fuoco di fila dei falchi tedeschi è aumentato di intensità. Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: