POST

Royal wedding, Meghan Markle diventa un cioccolatino: razzismo!

Emergenza razzismo dopo il Royal Wedding multietnico. Sotto accusa l’azienda dolciaria tedesca Super Dickmann, che ha addirittura notato che la duchessa del Sussex non è bianca, in un post giudicato “razzista”. L’azienda si è addirittura dovuta scusare per il post, ora cancellato, in cui compariva l’immagine del cioccolatino Schokokuss, vestito con un abito da sposa Read more

POST

Russofobia: utenti bannati su Twitter per l’uso del cirillico

Sembra che in nome dell’ormai nota battaglia alle fake news dei social network – ok, scherziamo, in realtà è una censura con la scusa delle fake news – sfociata direttamente in russofobia, Twitter stia bloccando gli account di chi utilizza il cirillico, l’alfabeto usato in Russia e in altri paesi. Secondo The Verge un numero Read more

POST

YouTube censura la canzone che manda a fanc*lo l’Ue – VIDEO

La denuncia del Primato Nazionale: Ecco allora che il tubo più famoso del globo ha deciso di censurare “Fuck Ue”, brano dei Bronson estratto dal secondo album della band capitolina: Roma Tiger Punk, uscito nel 2015 per i tipi della Rupe Tarpea. “La visualizzazione del seguente video ‘Bronson F.ck Ue’ è stata bloccata nei siti Read more

POST

Zuckerberg accusato di censura all’Europarlamento: “Perché cancellate pagine di destra?” – VIDEO

E’ di questi ultimi giorni la notizia di una nuova ondata di soppressione di pagine facebook anti-immigrazione. Tra le quali, in Francia, quella di Generation Identitaire. Oggi il boss di facebook era, dopo una serie di rifiuti, davanti ad una commissione dell’Europarlamento per rispondere alle domande sul caso – montato – Cambridge Analytica. Alcuni europarlamentari Read more

POST

Holly aggredita dai bulli digitali perché non festeggia matrimonio reale

Nel totalitarismo politicamente corretto è vietato avere opinioni che non sono gradite a chi si sente custode di ciò che è giusto e sbagliato. Accade così che una ragazzina venga perseguitata, arrivando addirittura alle minacce, per avere osato esprimere contrarietà al matrimonio che ieri ha estasiato tutti i media di distrazione di massa e quella Read more

POST

Pm diffamato, condannati al carcere Sallusti e Sgarbi

Il giudice monocratico di Monza Bianchetti ha condannato Vittorio Sgarbi a sei mesi di reclusione per avere diffamato, sul Il Giornale, il magistrato palermitano Nino Di Matteo. A tre mesi, per omesso controllo, è stato condannato il direttore del quotidiano Alessandro Sallusti. Entrambi hanno avuto la sospensione della pena. L’articolo ritenuto diffamatorio è stato pubblicato Read more

POST

Facebook ammette: “Censuriamo chi critica immigrazione”

Monika Bickert, direttore della politica dei contenuti su Facebook, descrive in dettaglio i mezzi messi in atto dal social network per censurare i contenuti condivisi dai propri utenti. Tra le altre cose, dice: “Non permettiamo la critica delle politiche di immigrazione e gli argomenti per limitare queste politiche“. Bene, questa è una evidente violazione dei Read more

POST

Rimossi manifesti verità sull’aborto: turbano la Raggi

Nell’epoca della menzogna universale, dire la verità è un atto rivoluzionario Il manifesto anti-aborto di CitizenGo, quello apparso a Roma durante questa settimana, è destinato alla rimozione. I cartelloni affissi per le vie della Capitale risultano essere cinquanta. L’organizzazione già parla di “censura” e di nuova campagna di sensibilizzazione. CitizenGo non molla e prepara il Read more

POST

«Gli immigrati puzzano»: modella padovana condannata a 4 mesi di carcere per reato d’opinione

Non ci sembra di avere letto una decisione in tal senso, ma il prossimo governo ha l’obbligo di eliminare i reati d’opinione, come da programma della Lega. Altrimenti, assisteremo continuamente a storture come questa. Perché se dai una pistola ad una scimmia, non puoi aspettarti che la sappia usare con raziocinio. Quattro mesi di reclusione, Read more

POST

Pd contro i bimbi abortiti: “Rimuovete quel manifesto”

Dopo le polemiche a Roma, anche a Genova gli idolatri dell’aborto attaccano il manifesto della onlus ProVita comparso vicino a una chiesa in centro città. “Sei qui perché la tua mamma non ti ha abortito”, si legge sul manifesto che raffigura un feto di 11 settimane, ovvero il termine temporale considerato utile per abortire per Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: