POST

Call center al tempo del jobs act: stipendio da 92 euro al mese, tagli per chi va al bagno

Uno stipendio di 92 euro al mese, circa 33 centesimi all’ora, e decurtazioni ai pagamenti del corrispettivo di un’ora di lavoro per chi andava 5 minuti al bagno o arrivava con 3 minuti di ritardo. E’ quanto emerge da una denuncia della SLc Cgil di Taranto, riguardo un call center. Sulla carta l’offerta era allettante: Read more

POST

DEVI ANDARE IN BAGNO? TI TAGLIO LO STIPENDIO… LO SCANDALO DEL CALL CENTER CHE PAGA 92 EURO AL MESE (Ma va là)

La promessa era di 12mila euro all’anno, poi in busta paga sono arrivati bonifici di 92 euro per un mese di lavoro e tagli alla retribuzione in caso di assenza anche di soli tre minuti dalla postazione per andare alla toilette: in pratica  i compensi scendevano anche a 33 centesimi l’ora. E’ quanto denuncia la Slc Cgil Read more

POST

Call center, i troll telefonici di Renzi potranno potranno tormentare elettori

I call center potranno ricominciare a tormentare gli italiani. Una norma inserita nella manovra allenta la morsa voluta dal garante della Privacy e inserita nella legge sulla Concorrenza e di fatto elimina gli unici due elementi di reale novità: il prefisso per riconoscere le chiamate di telemarketing e l’inviolabilità dei numeri inseriti nel registro delle Read more

POST

20MILA POSTI DI LAVORO NEL TELEMARKETING A RISCHIO: ARRIVA IL PREFISSO UNICO PER I CALL CENTER

A rischio 20mila posti di lavoro nel telemarketing. E’ quanto comporterà l’introduzione del “prefisso unico” secondo Assocontact, l’associazione che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center. Il disegno di legge contro il telemarketing selvaggio prevede infatti l’istituzione di un prefisso unico nazionale per tutti i call center in modo da rendere riconoscibile il mittente, Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: