POST

CALENDA TREMA: “CON LA LEGA AL GOVERNO RISCHIAMO DI NON OBBEDIRE A BRUXELLES” (Ma va là!)

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in un’intervista pubblicata martedì dal Corriere della Sera esprime i suoi timori per un governo a trazione leghista: “Per evitare la procedura per deficit eccessivo, l’Italia in autunno deve fare una manovra per il 2019 con il deficit allo 0,9 per cento del Pil“. In passato si è sempre rinegoziato ma Read more

POST

PUIGDEMONT È STATO ARRESTATO: ERA AL CONFINE CON LA GERMANIA

L’ex presidente catalano in esilio Carles Puigdemont, contro il quale la Spagna ha emesso una nuova richiesta europea di arresto ed estradizione, è stato fermato dalla polizia tedesca mentre attraversava in auto la frontiera fra la Danimarca e la Germania, proveniente dalla Finlandia e diretto in Belgio, dove risiede. Lo ha reso noto il suo Read more

POST

BRUXELLES TRADISCE L’ITALIA SUI MIGRANTI: AGLI ALTRI STATI MILIARDI, A NOI POCHI SPICCIOLI

Si dice spesso che l’Italia dà all’Europa più di quanto riceva: sicuramente è vero per quanto riguarda la prima accoglienza degli immigrati. Questo dato emerge chiaramente se si guardano le cifre degli stanziamenti degli ultimi anni. Dal 2015 al 2017, scrive Il Messaggero, Bruxelles ha messo a disposizione dei 28 Stati membri 7,6 miliardi di euro per la prima accoglienza, Read more

POST

LA PAURA DI BRUXELLES DOPO LA BREXIT: “LONDRA VUOLE DIVENTARE PARADISO FISCALE”

«Temiamo che la Gran Bretagna tenterà di diventare un paradiso fiscale sotto il naso dell’Europa», dice l’europarlamentare della Cdu (gruppo Ppe), Burkhard Balz. Dopo aver presentato la bozza di intesa, che la premier Theresa May ha definito «inaccettabile», cresce la preoccupazione in Europa per le sorti delle trattative tra Unione europea e Regno Unito. «Passeremo Read more

POST

POI JUNCKER SI PERMETTE DI TINGERE A TINTE FOSCHE IL FUTURO POLITICO DELL’ITALIA..

A poche settimane dal voto in Italia, dall’Ue arriva una presa di posizione netta sugli scenari post-voto. E a commentare gli scenari dopo elezioni nel nostro Paese è il presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker. Il presidente della Commissione Ue non usa giri di parole e lancia un allarma sul nostro Paese: “C’è un inizio di Read more

POST

Bruxelles: il nome più comune è Mohamed

Mohamed è il nome più comune (13.313) a Bruxelles, davanti a a Jean (7.409) e Mohammed (4.731). Tra le donne Maria (11,166), Mary (8848) e Fatima (6036) compongono il podio di Bruxelles. E’ in atto una sostituzione etnica senza precedenti in tutta Europa. Un genocidio con altri mezzi. L’immigrazione e il meticciamento. Les prénoms les Read more

POST

BERLUSCONI DA BRUXELLES: “FLAT TAX? ECCO LE COPERTURE”

La flat tax si può introdurre e ha le sue coperture. Silvio Berlusconi non ha dubbi e spiega in modo dettagliato come intende finanziare la sua “rivoluzione fiscale”. Lo fa da Bruxelles dove ha incontrato tutti i vertici delle istituzioni europee: “In totale, sono 270 i miliardi di euro che vanno a coprire, secondo noi, i 100 mld del Read more

POST

BERLUSCONI A BRUXELLES CON I VERTICI DEL PPE LA SUA POPOLARITÀ LIEVITA DAL 16% AL 28%… RENZI KO

Missione Europa, per Silvio Berlusconi. Che domani e martedì sarà a Bruxelles per una serie di incontri ai massimi livelli, dal presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker al numero uno del Ppe Joseph Daul, dal capogruppo Ppe all’Europarlamento Manfred Weber al segretario dei popolari Antonio Lopez, dal capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Read more

POST

BRUNETTA: “L’ITALIA PAGHERÀ DURE CONSEGUENZE DEL NON CONTARE NULLA A BRUXELLES”

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, si sofferma sulla riforma della governance europea, di cui si occuperanno domani i leader dei paesi che adottano l’euro come moneta di scambio. Brunetta parla di “polpetta avvelenata per l’Italia, della quale il governo Gentiloni non si è nemmeno accorto”. Perché dice questo? “In agenda – spiega Brunetta – Read more

POST

TAJANI: “A BRUXELLES L’ITALIA NON C’È; ECCO PERCHÉ BERLINO COMANDA”

“Dovevamo opporci prima al sorteggio, inutile recriminare dopo”. Così il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani parla della sconfitta di Milano per la sede dell’Ema e ricorda in un’intervista al Corriere della Sera che l’Italia “non ha una vera presenza organizzata a Bruxelles”. Secondo Tajani “dovevamo opporci prima al sorteggio, inutile recriminare dopo” e aggiunge: “Non ci rendiamo conto che Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: