POST

ATTACCO AL PARLAMENTO A LONDRA, BUFERA SUI SERVIZI DI SICUREZZA; LA TRAGEDIA ERA STATA ANNUNCIATA, 7 ARRESTI A BIRMINGHAM

loading… E’ bufera sugli 007 del Regno Unito. Sul forum 4Chan, un utente anonimo, il giorno prima dell’attacco a Westminster, aveva pubblicato un messaggio cifrato con le coordinate del luogo da colpire e una foto raffigurante due pistole. Se la sicurezza sul posto, al momento dell’attentato, ha dimostrato di avere i riflessi pronti, i servizi Read more

POST

“SOLO UN ATTENTATO CI LEVERÀ DAI COGL… PD E CLANDESTINI”; BUFERA SUL TWEET DI FABRIZIO BRACCONERI

«Vi sembrerà assurdo e mi piange il cuore dirlo,ma solo un attentato in Italia ci leverà dai co….i del PD E CLANDESTINI…poi la rivolta». Come scrive LEGGO: Il tweet choc di Fabrizio Bracconeri, l’ex Bruno Sacchi de “I ragazzi della 3a C”, ha scatenato un polverone sui social. L’attore, che nel 2014 si era anche Read more

POST

COME HA FATTO IL KILLER AMRI AD ARRIVARE INDISTURBATO A MILANO? POSSIBILI COPERTURE TRA GLI ISLAMICI

Potrebbe aver contato su “coperture” di amici esponenti della folta comunità islamica di Sesto San Giovanni Anis Amri, il killer di Berlino rimasto ucciso questa notte in una sparatoria. È questa una delle ipotesi al vaglio dell’antiterrorismo milanese che sta accertando le ragioni per cui l’uomo si sia spostato da Milano a Sesto San Giovanni, Read more

POST

TOH CHE CASO, A SESTO SAN GIOVANNI INDOVINA COSA C’È? LA MOSCHEA: “ADESSO CHIUDETELA”

“Non abbiamo elementi per sostenere che la moschea di Sesto San Giovanni contenga terroristi”. Lo dice la questura dopo la sparatoria alle porte di Milano in cui è stato ucciso Anis Amri, lo stragista islamico di Berlino. Ma ovviamente l’allarme è alto. La Lega non a caso chiede la chiusura del luogo di culto islamico. Read more

POST

ARRESTATE 7 PERSONE DI ORIGINI EGIZIANE E LIBANESI: PREPARAVANO UN ATTENTATO A MELBOURNE PER NATALE

Sventato a Melbourne in Australia l’attacco al Natale dell’Isis. Progettavano di far esplodere la cattedrale di Saint Paul e di colpire nelle strade e nelle piazze frequentate dai turisti, in sette finiscono in manette. “Potevano morire decine di persone”. Era già da un po’ di tempo che la polizia australiana aveva messo sotto controllo un Read more

POST

BERLINO, LA “FARSA” DELL’ATTENTATO: IL DOCUMENTO DELL’ATTENTATORE È STATO LASCIATO LI VOLONTARIAMENTE?

Anis Amri nel giro di poche ore è diventato l’uomo più ricercato dalle polizie di tutta Europa. E’ lui l’indiziato numero per la strage avvenuta lunedì scorso al mercatino di Charlottenburg, nel cuore di Berlino. Ma non è affatto sicuro che sia lui l’attentatore che ha guidato il camion-killer tra le bancarelle. La polizia tedesca Read more

POST

SE LA RIDE DOPO L’ATTENTATO, LA VERGOGNA IN DIRETTA DAVANTI ALLE TELECAMERE

Lunedì sera, qualche minuto dopo la strage alle bancarelle di Natale, nel centro di Berlino. Un giornalista tedesco, in collegamento per la televisione Rtl, sta raccontando ai connazionali atterriti le prime confuse notizie sull’attentato. In quel momento, non solo è ancora incerto il numero delle vittime: non si sa nemmeno quanti siano gli attentatori e Read more

POST

ATTENTATO A BERLINO: LA MERKEL SOTTO ACCUSA, E SPUNTA UNA FOTO CHOC

La solidarietà di tutto il mondo è diretta alle vittime dell’attentato che ha colpito Berlino. Tutto i leader mondiali, anche quelli considerati più “difficili” inviano le proprio condoglianze. Ma ci sono anche molte critiche e attacchi alla cancelliera Angela Merkel, soprattutto per la sua posizione sui migranti. Gli attacchi e la foto choc pic.twitter.com/drbYbGGxg8 — Read more

POST

NEL SUO TIR, LA DISPERATA LOTTA DI LUKASZ: L’AUTISTA POLACCO HA CERCATO DI EVITARE LA STRAGE DI BERLINO

Ha lottato fino alla fine per cercare di riprendere il controllo del suo camion ed evitare la strage, ma non ce l’ha fatta. Lukasz Urban, 37 anni, è senza vita, il corpo tumefatto, pieno di tagli (forse causati da diverse coltellate), insanguinato. “Ha lottato per la sua vita”, racconta Ariel Zurawski, suo cugino e socio Read more

POST

STRAGE A BERLINO, IL PADRE DELL’ITALIANA DISPERSA: “NON MI ILLUDO…”

Da ieri sera non si hanno più notizie. Fabrizia Di Lorenzo molto probabilmente si trovava proprio sul luogo dell’attacco al mercatino di Natale di Berlino. Il suo cellulare è stato ritrovato proprio sul luogo della strage. E così il padre della ragazza non si fa illusioni: “Abbiamo capito che era finita stanotte all’una e mezza: Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: