POST

BERLINO, AMRI AVEVA IN TASCA MILLE EURO: NUOVA PISTA DA SEGUIRE GRAZIE ALLE BANCONOTE

Anis Amri, autore della strage di Berlino ucciso nel Milanese, aveva con sé oltre mille euro in contanti. Le banconote, al vaglio dell’antiterrorismo, avrebbero generato un’importante pista investigativa. Gli investigatori presumono infatti che il denaro, in tagli da 50 e 20 euro, sia stato prelevato da uno sportello Bancomat al quale è possibile risalire per Read more

POST

ORGOGLIO E RABBIA DEI NOSTRI 2 GIOVANI EROI, CHE FACENDO IL PROPRIO DOVERE HANNO CATTURATO L’UOMO PIÙ RICERCATO D’EUROPA

Sono due «semplici» eroi. Cioè due poliziotti che facendo il proprio dovere hanno catturato l’uomo più ricercato d’Europa. Cristian Movio, 35enne della provincia di Udine, e Luca Scatà, 29enne siciliano, alle 3 di notte giravano a bordo dell’auto di servizio. Sono entrambi assegnati al reparto Volanti del commissariato di Sesto San Giovanni, alle porte di Read more

POST

TUNISIA, ARRESTATO IL NIPOTE DI AMRI: FACEVA PARTE DI UNA CELLULA TERRORISTICA, ED HA AIUTATO LO ZIO A ELUDERE I CONTROLLI

Le forze di sicurezza tunisine hanno smantellato una cellula terroristica composta da 3 membri di età compresa tra i 18 ed i 27 anni: tra gli arrestati c’è anche il nipote del killer di Berlino, Anis Amri. Secondo il ministero dell’Interno tunisino, durante l’interrogatorio il giovane ha confessato di aver comunicato con lo zio via Read more

POST

ENNA, LʼINSEGNANTE DI AMRI: “ILLUMINAVA IL BUIO DEL CARCERE, NON ERA UN ESTREMISTA”(A no?)

“Il suo volto era di una bellezza straordinaria e aveva un sorriso che riusciva ad illuminare tutto il buio che un posto come il carcere emana”. Con queste parole una donna che lavora come insegnante d’italiano nel carcere di Enna, descrive Anis Amri, il terrorista della strage di Berlino, ucciso alle porte di Milano. I Read more

POST

IL PREDICATORE “SENZA NOME” CHE HA RADICALIZZATO AMRI

Anis Amri viene ucciso nella notte di venerdì a Sesto San Giovanni e mentre si indaga sulle motivazioni che possono aver spinto il terrorista a ritornare in Italia, da dove aveva fatto perdere le sue tracce nel 2015, si apre un altro mistero legato al suo presunto coinquilino in Germania, un misterioso individuo di origine Read more

POST

AMRI GLI INVESTIGATORI ITALIANI LO ASPETTAVANO VICINO BERGAMO: LI POTEVA CONTARE SU UNA RETE DI TUNISINI (#STOPINVASIONE)

Un gruppo misto di servizi segreti di cui facevano parte specialisti italiani e tunisini aspettavano l’arrivo di Anis Amri nell’area di Bergamo, a una quarantina di chilometri da Cinisello Balsamo, dove l’attentatore di Berlino è stato ucciso dalla polizia. Nei paesini che costellano l’hinterland di Bergamo, secondo la ricostruzione del Foglio, che cita “una fonte Read more

POST

“AMRI È PRONTO A COMPIERE ATTENTATI”: L’INTELLIGENCE MAROCCHINA SEGNALÒ AI TEDESCHI IL PERICOLO

L’intelligence del Marocco aveva informato la Germania della pericolosità di Anis Amri, il tunisino ucciso a Milano responsabile della strage di Berlino. In un comunicato stampa, l’ambasciata marocchina della capitale tedesca ha infatti ricordato che i servizi segreti del Paese africano avevano comunicato per ben due volte (19 settembre e 11 ottobre 2016) che il Read more

POST

QUEI TRE MISTERI SULLA MORTE DI AMRI CHE NESSUNO HA ANCORA CHIARITO

Ora appare tutto chiaro: sappiamo chi ha compiuto la strage di Berlino e sappiamo che non può più nuocere, grazie alla professionalità e al sangue freddo dei poliziotti italiani. Appare ma lo è davvero? Come sapete, il mio filtro interpretativo è rappresentato dalla comunicazione: analizzando le notizie che escono sui media si possono cogliere incongruenze, Read more

POST

IL MISTERO DEL TELEFONINO DI AMRI CON TUTTI I SEGRETI DEL JIHADISTA E IL PIANO DI FUGA: IL SOSPETTO E’ CHE VOLESSE PREPARARE UN’ALTRA STRAGE

La morte di Anis Amri, il terrorista della strage ai mercatini di Natale a Berlino ucciso alle porte di Milano durante un controllo di polizia, apre una serie di domande a cui ora gli investigatori dovranno tentare di dare una risposta. Tra il momento dell’attacco e la sua ricomparsa su un treno per l’Italia, infatti, Read more

POST

LA RETE DI AMRI IN ITALIA E LE MOSCHEE MILANESI SOTTO OSSERVAZIONE DAL 2004

Il tir Scania che il 19 dicembre è piombato sul mercatino di Natale di Berlino uccidendo 12 persone, tra cui Fabrizia Di Lorenzo, era partito da Cinisello Balsamo, nel milanese. E non lontano da lì, a Sesto San Giovanni, Anis Amri, il “soldato” tunisino di Al Bagdadi che lo aveva dirottato, è tornato dopo un Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: