POST

ALLAM: “LA CITTADINANZA ITALIANA NON È UN PEZZO DI CARTA DA CONCEDERE AUTOMATICAMENTE, MA UN PRIVILEGIO”

Anch’io sono stato un immigrato. Nel 1972 arrivai a Roma con un aereo dell’Alitalia, con il passaporto egiziano e un regolare visto d’ingresso, grazie a una borsa di studio concessami dal governo italiano per aver conseguito la Maturità scientifica italiana con il punteggio più alto presso l’Istituto Salesiano “Don Bosco” al Cairo. All’epoca erano sufficienti Read more

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: