Blitz interforze per sequestrare pericolosi manifesti

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Delirante vicenda da Terontola, provincia di Arezzo. Un cittadino mette un piccolo manifesto in in una bacheca di sua proprietà. Badate bene: non pubblica, ma di ‘sua proprietà’. Ma questo non basta a tenerlo a riparo dalla psicopolizia, così in un blitz concertato tra vigili urbani, carabinieri e vigili del fuoco, gli sequestrano il pericoloso materiale e gli comunicano di essere sottoposto ad indagine in base alla legge Mancino.

Chissà se il motivo del blitz è da trovarsi nel ‘troppi’, nel ‘negri’ o nel piccolo fascio. In tutti i casi è comicità pura.

Non fosse comico sarebbe tragico. E’ comunque il segno di un regime in putrescenza. Perché solo un regime putrescente sequestra libri, immagini e manifesti. E’ lo stesso panico in cui sono piombate le corporations e che vede i social network come Facebook inventarsi la storia delle ‘fake news’ per censurare i media indipendenti. Siamo ormai ai samizdat.

VERIFICA LA NOTIZIA

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!