Aziende agricole cacciano lavoratori italiani, preferiscono immigrati

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Sono tanti i lavoratori italiani che vorrebbero prestare attività nelle aziende agricole, ma trovano la porta chiusa in quanto sono le stesse aziende che respingono le richieste, giustificando il fatto che assumono solo lavoratori migranti.

È l’analisi del lavoro in agricoltura fatta a livello locale dalla Flai Cgil di Ferrara che dipinge una situazione opposta a quella presentata da alcuni agricoltori e successivamente da Upa e Cia, di cui “è difficile condividere il punto di vista espresso in questi giorni attraverso la stampa locale in merito al giudizio per cui tra i lavoratori italiani e l’agricoltura sia emersa una certa incompatibilità”.

“La Flai Cgil di Ferrara, al contrario di quanto dichiarato da Confagricoltura e Cia, ha un osservatorio basato da riscontri diretti con i lavoratori, che ci consegna una situazione diversa” dichiara il segretario generale Flai Cgil di Ferrara, Cristiano Pistone, dal cui punto di vista “bisognerebbe evitare di semplificare certi ragionamenti, per i quali il mancato impiego nel settore primario di lavoratori italiani è basato dal fatto che sono poco affidabili perché studenti o perché il settore è transitato da disoccupati in attesa di migliore occupazione”.

“Esaminando attentamente gli elenchi anagrafici agricoli pubblicati annualmente dall’Inps – spiega Pistone -, ci si può rendere conto come che tra gli oltre 15000 lavoratori a tempo determinato avviati ogni anno, una parte di loro siano ormai strutturati nel settore e non di passaggio, e comunque questo fenomeno ha sempre caratterizzato il settore”.

Queste dichiarazioni, secondo il segretario provinciale Flai Cgil, “rischiano anche di esasperare un clima già reso pesante, in particolar modo in questo periodo, rispetto ad una competizione tra lavoratori italiani e stranieri o banalmente tra quelli ‘disponibili la domenica’ e quelli che invece che preferiscono andare al mare”.

Lasciando quel tipo di discussioni fuori dalla disamina, “le organizzazioni sindacali sono convinte che proprio per far fronte a questa ed ad altre esigenze del settore primario, ci siano già negli strumenti dettati dalla contrattazione nazionale e provinciale le risposte che la associazioni agricole richiedono, in termini di flessibilità e orario di lavoro”.

“Bisogna inoltre tener conto – prosegue Pistone – che oggi manca uno strumento di collocazione pubblico, necessario a far confluire la domanda e l’offerta del lavoro agricolo, oltre ad un ritardo nella possibilità di poter declinare a livello provinciale, come richiesto dalle organizzazioni sindacali di settore, quanto previsto dalle disposizioni previste dal provvedimento Campolibero e dalla Cabina di regia della Rete del Lavoro agricolo di qualità insediata presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali”.

Un collocamento pubblico, “basato su metodi trasparenti, eviterebbe di certo alcune problematiche relative all’utilizzo di manodopera in agricoltura presenti anche sul territorio ferrarese – avverte il segretario provinciale -. Tra queste problematiche riscontriamo anche l’utilizzo degli appalti in agricoltura, attraverso cooperative provenienti da fuori Regione”.

L’utilizzo degli appalti è regolato dalle normative vigenti e dalla contrattazione provinciale ma “la Flai Cgil vigilerà sull’utilizzo genuino di tali appalti per evitarne usi distorti, consapevoli che la legge 199 del 2016 recante norme a contrasto del lavoro irregolare può essere uno strumento di aiuto concreto” ricorda Pistone, secondo cui le problematiche emerse in questi giorni andrebbero “confrontate e discusse nell’Osservatorio Unico agricolo in Provincia di Ferrara, composto da tutti i soggetti sindacali e datoriali del settore, che si riunisce regolarmente a scadenza constante”.

VERIFICA LA NOTIZIAE invece “dispiace constatare che Cia e Confagricoltura abbiano scelto di consegnare la questione relativa al reperimento di manodopera nel settore agricolo ad un articolo di giornale – attacca Pistone, che conclude -: la problematica non è nuova,siamo stati e saremo sempre disponibili ad un confronto con tutti i soggetti interessati a discuterne e a cercare soluzioni, a partire proprio dalle associazioni agricole, con le quali le corrette relazioni sindacali sono state alla base di tutti i confronti”.

Finalmente un sindacalista che difende i lavoratori italiani. La Cgil lo espellerà sicuramente. Non esistono lavori che gli italiani non vogliono fare, ma che non possono fare perché espulsi dalla presenza di manodopera low-cost semi-schiavile.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!