Assalta una caserma e picchia i militari, niente carcere per migrante

Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter!

Mohamed è stato condannato a 3 anni: due per la resistenza e uno per il tentato furto. Questa la pena per un immigrato che ha assaltato con dei complici una caserma:

VENTIMIGLIA: IMMIGRATI DEVASTANO COMMISSARIATO E UMILIANO AGENTI

Mohamed ha anche chiesto il gratuito patrocinio. Saranno quindi i contribuenti italiani a pagargli l’avvocato.

Assistito dall’avvocato Mario Leone, ha patteggiato, e questo, secondo le demenziali legge italiane, gli consente lo sconto di un terzo della pena. Così, per magia. La condanna scende così a due anni, e sappiamo che le pene inferiori ad un certo numero di anni non prevedono il carcere, nell’immaginifico mondo del PD, quindi il giudice opta per l’espulsione, visto che è clandestino. Peccato che nessuno voglia mohamed, che una volta entrato in Italia e accolto ha strappato i documenti: ergo, non si sa da dove venga. Quindi non si sa dove rimandarlo.
VERIFICA LA NOTIZIA
Nel caso in cui non si riuscisse ad accertare la sua reale provenienza, il nordafricano dovrà essere preso in consegna dalla Questura che lo affiderà a uno dei tanti centri di identificazione sparsi sul territorio. Ma la prassi, dicono dal tribunale, è che dopo qualche giorno, il soggetto si allontana dal centro e fa perdere le proprie tracce. E si ricomincia.

Ora vi elenchiamo cosa dovrebbe invece accadere a personcine come Mohamed che non svelano la propria identità. L’Italia ‘affitta’ un qualche penitenziario in una regione desolata dell’Africa e lo riempie di questi ‘apolidi per convenienza’, e li rimarrebbero a scontare la pena. Poi via, fatti uscire nel territorio desolato e buona fortuna.

Commenti a caldo

comments

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Seguici su Facebook!

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!

Seguici su Twitter!